Arizona, donna condannata perché rinuncia alla rete elettrica

Christine Stevens condannata per essersi staccata dalla rete elettrica

L'incredibile storia di Christine Stevens di Avondale in Arizona inizia un anno fa e termina lo scorso mese di dicembre con un epilogo tra il tragico e il ridicolo. Dunque Christine che ha 47 anni attraversa lo scorso anno un momento molto difficile arrivando a perdere il lavoro. Non riesce a sostenere le spese della casa di cui è proprietaria e l'APS, la società elettrica le stacca la fornitura. Christine non si arrende e fa ricorso a 6 pannelli solari, per la produzione di energia elettrica e a una ghiacciaia al posto del frigo.

L'APS e scopre per caso che Christine non è più allacciata alla rete elettrica, poiché precedentemente era scattata una denuncia per manomissione al contatore elettrico, con una multa di 400 dollari regolarmente saldata. A quel punto gli ispettori della compagnia elettrica fanno i loro sopralluoghi e scoprono i pannelli solari. Detto fatto la denunciano perché non rispetta le norme di sicurezza previste dal Regolamento edilizio e sollecitano il Comune di Avondale a intervenire.

Infatti, secondo il Regolamento di Avondale le case devono essere alimentate da energia elettrica a sufficienza tanto da garantire al massimo 31 gradi Celsius in inverno e 20 gradi celsius in estate.

Morale della favola, Christine ha avuto i sigilli alla sua casa e ha dormito per 11 giorni in auto; le è stata comminata una multa di 1338 dollari per le tasse non evase alla APS.

Via | AzCentral
Foto | Courtesy AzCentral

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: