Cina, gigantesco greenwashing con l'eolico?

L\'eolico cinese? Una mega bufala. Parola di vice ministro

L'eolico cinese? Una gigantesca bufala. O, al massimo, un "progetto di immagine" e non di sostanza. A pochi giorni dalla diffusione dei dati di EurObserv'ER, che incoronano la Cina reginetta dell'eolico, si diffonde una notizia che potrebbe rimettere tutto in discussione. China Daily, infatti, riporta le parole del vice ministro dell'Industria cinese, Miao Wei, che avrebbe affermato che l'eolico in Cina avrà vita breve.

Il problema starebbe nella sabbia, a quanto pare assai abbondante nel vento cinese, che accorcerebbe notevolmente la vita media delle torri eoliche a causa dell'erosione. Difficile, a quanto pare, che tali impianti possano raggiungere i 20 anni progettati. Ma, allora, per quale motivo tanti investimenti su questa fonte rinnovabile in Cina?

Greenwashing di Stato, niente di più e niente di meno. Gli immensi sforzi economici cinesi nel settore eolico altro non sarebbero se non un'operazione di immagine da spendere, principalmente, all'estero. Le torri eoliche, quindi, non rientrerebbero in una precisa e coerente strategia energetica cinese. La cosa, tra l'altro, è assolutamente plausibile visti gli investimenti, ancora più incredibili, della Cina nelle centrali a carbone. Il vice ministro, però, avrebbe anche detto che in altri paesi meno "sabbiosi" la situazione è differente.

Via | China Daily
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: