L'UE richiama la Grecia per la cattiva gestione delle aree protette e la tutela dei volatili

gipeto

La Commissione Europea ha inviato un nuovo avvertimento alla Grecia, che non si è adeguata in maniera soddisfacente alle norme che tutelano i volatili in aree designate. A tutela dei volatili esistono la Direttiva sugli Uccelli e la Direttiva sull'Habitat, che prevedono, tra l'altro, la creazione di aree protette (SPA) in cui le specie possano ripararsi e la creazione di aree di conservazione (SAC) in cui alcune specie a rischio di estinzione possano sopravvivere.

I due programmi SPA e SAC fanno parte dello schema Natura 2000, che la Grecia non ha rispettato nonostante i diversi avvertimenti ricevuti da Bruxelles. La Grecia non si è adeguata alle norme, non ha previsto la creazione delle aree protette e non ha gestito adeguatamente quelle esistenti, mettendo a rischio la sopravvivenza di alcune specie di uccelli e rapaci.

Tra le specie a rischio, che potrebbero costare una multa alla Grecia, ci sono il Gipeto (Gypætus barbatus) e l'Aquila Imperiale (Aquila heliaca), indicate come le due specie maggiormente minacciate dal comportamento della Grecia.

via | sofiaecho

  • shares
  • +1
  • Mail