Sardegna Energia Spa: fuori i privati dall'energia?

Nasce Sardegna Energia Spa: i privati sono fuoriLa Regione Sardegna ha pubblicato la delibera che sancisce la nascita di Sardegna Energia Spa, società a capitale interamente pubblico che avrà il compito di gestire i progetti degli impianti di produzione di energia, rinnovabile e non.

Sin dal suo annuncio, avvenuto a metà mese, questa nuova società ha fatto parlare molto di sé anche se i dettagli dello statuto, i fini e i ruoli della società stessa non erano stati divulgati al pubblico. Anest, Aper, Fiper, Greenpeace, Ises Italia, Itabia, Kyoto club e Legambiente si erano affrettate a criticare la nascente società pubblica affermando che era lesiva della concorrenza. Ora, però, i dettagli sono più chiari, basta leggere la delibera, la relazione e il Ddl regionale.

E, per inciso, i dettagli faranno infuriare ancora di più gli appassionati del mercato libero dell'energia perchè, una volta messa in piedi Sardegna Energia Spa, i privati avranno ancora più difficoltà ad entrare nel settore.

Dalla lettura dei documenti pubblicati dalla Regione, infatti, apprendiamo che

l’oggetto sociale della Società che è quello di definire ed attuare, in conformità dei piani, programmi e indirizzi della Regione in materia energetica e con oneri a carico della stessa, azioni finalizzate ad ottimizzare la gestione della domanda e dell’offerta di energia, la promozione del risparmio e dell’efficienza energetica e a favorire un miglior utilizzo delle risorse energetiche locali, convenzionali e rinnovabili, operando altresì nei mercati dell’energia elettrica e del gas

Tutto quello che è energia, quindi, passa sotto l'ala della Regione. Il Ddl prevede infatti

l’attribuzione alla Società, per delega della Regione, dell’attuazione delle politiche energetiche regionali ed il monitoraggio degli accordi e delle autorizzazioni rilasciate ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. n. 387/2003

Cioè, al netto di interpretazioni giuridiche, tutte le autorizzazioni per le rinnovabili verranno "monitorate" dalla società regionale. Si prevede una pioggia di ricorsi al Tar. Da capire, infine, che fine ruolo avrà l'assessorato regionale all'Ambiente e quali rapporti ci saranno tra Sardegna Energia Spa e le commissioni Via-Vas e Aia del Ministero dell'Ambiente.

Via | Regione Sardegna

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: