Aumento benzina, il Codacons denuncia i petrolieri per agiotaggio

il codacons chiede il sequestro delle pompe di benzina

Su strade e autostrade italiane a dispetto della crisi, milioni di auto in cammino per il week end di Pasqua. Su strade e autostrade i distributori di benzina registrano una impennata dei prezzi dei carburanti che grava su un pieno anche di 10 euro in più.

Premesso che è sempre meglio ricorrere al treno per un viaggio lungo, resta da capire perché i carburanti subiscono impennate dei prezzi sempre sotto i periodi festivi. Il Codacons ci vuole vedere chiaro e ha depositato perciò un esposto presso 104 Procure della Repubblica chiedendo il sequestro delle pompe. Si legge in una nota:

Nell'esposto il Codacons chiede alle Procure e all'Antitrust l'invio della Guardia di Finanza direttamente presso i distributori di carburanti, al fine di acquisire i documenti relativi ai rincari dei listini e disporre il sequestro delle pompe che hanno effettuato aumenti nell'ultima settimana, ossia prima dell'esodo di Pasqua. "Non escludiamo una maxi class action da parte degli automobilisti contro le compagnie petrolifere e consigliamo fin d'ora agli utenti di conservare i documenti che attestino i rifornimenti di carburante.

Codacons chiede perciò l'intervento della Guardia di Finanza e ipotizza il reato di agiotaggio.

Via | Codacons
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: