Scorie nucleari: l'Ue lancia la consultazione pubblica online

Scorie nucleari: online la consultazione pubblica della UeChe il problema vero e più difficile da superare in tutta la questione dell'energia nucleare sia quello delle scorie altamente radioattive è ormai chiaro a tutti. Recentemente, però, qualcosa si è mosso a livello europeo per tentare di capire da che parte si debbano mettere i rifiuti delle centrali nucleari esistenti, dismesse o future.

L'Unione europea, su questo argomento, mostra coraggio e lancia la consultazione online: chiunque, anche se non cittadino europeo, può accedere via internet al sito della Direzione Generale per l'Energia e dire la propria sulla questione dei rifiuti nucleari. Dal questionario, che resterà online fino al 31 maggio, verrà estrapolata l'opinione pubblica sullo spinosissimo argomento.

Le domande spaziano dalle modalità giuridiche per affrontare il problema rifiuti (Direttiva europea obbligatoria per gli Stati membri, Direttiva non obbligatoria, etc...) ai metodi di controllo da parte del cittadino sul rispetto delle regole in materia nucleare ("peer review " sui sistemi di regolazione o sui programmi nucleari nazionali, controllo da parte della AIEA sui report prodotti dagli Stati, etc...) e non sempre è facile rispondere.

Probabilmente buona parte del questionario è stata redatta per capire realmente quanto ne sappiano i cittadini europei sulla questione, ma è assai indicativo il fatto che l'oggetto del "test", se così lo si può definire, siano solo i rifiuti nucleari e non l'energia nucleare in sè. Con una Europa mezza nucleare e mezza no, l'unico tema che accomuna tutti gli Stati membri è proprio quello dei rifiuti che ci sono, restano e resteranno ancora a lungo stipati in attesa di una soluzione a lunghissimo termine.

Via | Unione Europea
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: