Galan, il neo Ministro all'Agricoltura (che si autodefinisce eretico) fa un primo passo verso gli OGM

Giancarlo Galan, neo ministro alle politiche agricole apre agli OGMGiancarlo Galan è il neo Ministro alle Politiche agricole e forestali (come d'altronde avevamo già abbondantemente anticipato), e dopo essere stato per il Pdl, con cui ancora è in quota, Governatore del Veneto ha ceduto la poltrona all'ex Ministro Luca Zaia e preso il suo posto al dicastero che fu appunto del leghista. Semplice scambio di poltrone? Mica tanto!

Appena insediato, ha dichiarato:

Non perderò il vizio dell'eresia. Eresia e ortodossia posso aiutarmi a fare bene in un settore comel'agricoltura. Quando sarà il caso, per il bene del mio Paese, non esiterò a essere eretico.

E in cosa consisterebbe l'eresia? Ad esempio, per quanto Zaia fosse contro gli OGM, tanto da produrre e firmare un decreto per fermarne la coltivazione in Italia, tanto Galan è favorevole e lo ha dichiarato in più di un dibattito. La conferma arriva pronta dalle pagine del Mipaaf dove appunto Galan, ex presidente di Publitalia scrive:

Procediamo con ordine: sono entrato a far parte di un Governo che su questa questione ha già preso una serie di decisioni, l’ultima è il decreto interministeriale di stop alla coltivazione di un mais Ogm. Non intendo – continua il Ministro Galan - per coerenza e lealtà, mettere in discussione questa posizione. Detto questo, la ricerca è un’altra cosa e va sempre e comunque incoraggiata. Per un sistema paese il gap peggiore è quello della conoscenza, quindi su questo punto resterò coerente alle mie posizioni di sempre: sì alla ricerca e all’innovazione

Foto | Regione Veneto

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: