Marea nera: arrivano gli U2

marea nera: arrivano gli U2

Lentamente tutti i timori stanno diventando realtà: la marea nera causata dal disastro della Deepwater Horizon ha toccato le coste delle isole Chandeleur, in Louisiana.

A vigilare sulla situazione ci sono due enti governativi, la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e la più famosa NASA. Quest'ultima, su richiesta della prima, si sta dando da fare per monitorare l'espansione della macchia nera.

Tra gli interventi messi in atto dalla NASA c'è l'invio sui cieli del Golfo del Messico di aerei ER-2, veivoli da ricognizione derivati dai famosi U2 in grado di volare a 70.000 piedi e di scattare foto ad altissima risoluzione.

Nel frattempo, a terra, i titolari delle attività economiche duramente colpite dal disastro ambientale stanno affilando le armi per ottenere giustizia e, soprattutto, i risarcimenti: circa 200 avvocati si sono incontrati a New Orleans per mettere a punto una strategia legale comune contro Bp, che gestiva la piattaforma off shore, Transocean, che l'ha costruita, Halliburton e Cameron che hanno fornito alcune attrezzature.

Via | Rig Zone
Foto | Nasa

  • shares
  • +1
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: