Ddl intercettazioni, Legambiente: "un immenso regalo alle ecomafie"

Dl intercettazioni, Legambiente: "un immenso regalo alle ecomafie"

Anche Legambiente critica il disegno di legge sulle intercettazioni, che approderà al Senato il 31 maggio. Secondo l'associazione ambientalista, infatti, approvarlo senza sostanziali modifiche sarebbe un gran regalo alle ecomafie. Il timore di Legambiente, infatti, è che la nuova normativa possa legare le mani ai giudici che indagano sui reati ambientali:

I grandi scandali ambientali, dal cemento impoverito, alle navi dei veleni e altri traffici di rifiuti, sono stati svelati da intercettazioni telefoniche. Depotenziare questo strumento d’indagine significa fare un immenso regalo alle ecomafie

Giusto per fare alcuni esempi, indagini come quellasui rifiuti tossici scaricati dai mafiosi in mare, o l’inchiesta “Arca” della Dda di Reggio Calabria sui lavori della Salerno-Reggio Calabria, nel corso della quale si scoprì che il cemento veniva "depotenziato" intercettando uno dei tecnici del cantiere. Ma anche l'inchiesta sulla costruzione della scuola di Bova Marina, dalla quale emerse che i boss mettevano poco cemento e molta sabbia nei pilastri.

Tutte queste notizie utili alle indagini, e poi utilizzate nei processi, conclude Legambiente, non sarebbero mai emerse senza le intercettazioni telefoniche e ambientali:

Ecco perché Legambiente si appella ai parlamentari e a tutte le forze politiche affinché venga salvaguardata la possibilità di intercettare, per non compromettere la possibilità d’azione della giustizia, per la tutela del bene comune e contro le ecomafie

Via | Legambiente
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: