Il vaccino contro la malaria funziona ma l'Oms frena gli entusiasmi

Il vaccino contro la malaria messo a punto da ricercatori americani sembra funzionare ma l'Organizzazione mondiale per la sanità invita a essere cauti

I ricercatori statunitensi hanno riferito di una svolta nella ricerca di un vaccino per la malaria, la malattia trasmessa dalle zanzare che fa ammalare 250 milioni di persone ogni anno nel mondo e ne uccide 800 mila all'anno . Il test è stato effettuato su 44 volontari come riferito dagli scienziati del National Institutes of Health, Marina Militare degli Stati Uniti e Esercito. Anche se i risultati sono promettenti sono necessari ulteriori test approfonditi, tuttavia questa è la prima volta che il vaccino di prova ha mostrato il 100 per cento di affidabilità nel proteggere i soggetti dalla malattia tropicale trasmessa dalle zanzare.

Molto cauta l'Oms (WHO in inglese) il cui portavoce Tarik Jasarevic da Ginevra fa sapere che per l'Organizzazione Mondiale della Sanità la notizia di un vaccino contro la malaria era la benvenuta, anche se ci sono diversi altri vaccini in fase di sviluppo e che era troppo presto per stimare l'impatto che potrebbe avere la salute pubblica.

Il vaccino sperimentale chiamato PfSPZ è prodotto dalla società Sanaria del Maryland e contiene i parassiti della malaria raccolti dal vivo attraverso un faticoso processo di dissezione delle ghiandole salivari delle zanzare. Questi parassiti immaturi, noti come sporozoiti sono poi indeboliti e quindi non possono provocare la malattia. Così viene prodotto il vaccino e iniettato per via endovenosa più volte per vari mesi.

Stephen Hoffman Ceo di Sanaria ha tenuto una chat pubblica in cui ha risposto alle domande del pubblico tra cui come è stato finanziata la ricerca:

Finora, il progetto è costato più di 100 milioni di dollari e i fondi provengono da molte fonti: borse di studio a sostegno della sperimentazione clinica da parte dell'Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), NIH, dalla Bill e Melinda Gates Foundation; ulteriore supporto è venuto dal programma militare Malattie Infettive, il Naval Medical Research Center, TI-Pharma (una non-profit olandese), Vaccine Initiative europea, Marathon Oil, la Commissione Tanzania sulla scienza e la tecnologia, Istituto Superiore di Sanità Ifakara (Tanzania), TPH svizzero, Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni e l'Università di Tubinga, Università di Oxford, Barcelona Centre for International Health Research, Wellcome Trust, Istituto per la Salute OneWorld con i fondi della Fondazione Gates, lo Stato del Maryland, e altri. Il nostro obiettivo è eliminae la malaria e prevediamo un profitto significativo dalla vendita del vaccino per i viaggiatori.

Via | CNN, The Malay Mail

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail