Porto Tolle: il Tar da l'ok al carbone, ma resta l'indagine di Rovigo

Porto Tolle: il Tar da l\'ok al carbone, ma resta l\'indagine di Rovigo

Il Tar del Lazio si è pronunciato favorevolmente sulla riconversione da olio combustibile a carbone della centrale Enel di Porto Tolle, in Veneto. Secondo la giustizia amministrativa, infatti, il ricorso presentato dagli ambientalisti (che temono un devastante impatto ambientale causato dal carbone in un'area naturalisticamente molto delicata) è privo di fondamento.

La decisione del Tar segue di pochi mesi l'accordo tra Enel e Regione Veneto, grazie al quale la regione attualmente governata dall'ex ministro dell'Agricoltura Zaia, e all'epoca guidata dall'attuale ministro Galan, si prenotò un assegno da circa 140 milioni di euro da parte di Enel.

Non si è ancora conclusa, però, l'inchiesta della magistratura di Rovigo in merito alla procedura di concessione della Via al progetto di riconversione: i magistrati, infatti, ipotizzano che la commissione Via del Ministero dell'Ambiente abbia dato l'ok al carbone senza prendere minimamente in considerazione l'opzione tecnologicamente ed ambientalmente migliore del gas naturale.

I lavori per l'adeguamento della centrale di Porto Tolle, quindi, ad oggi possono già iniziare. Ma non è escluso che, in un futuro non troppo lontano, vengano prematuramente stoppati dai magistrati.

Via | Il Sole 24 Ore, Italia Oggi
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: