Santa Margherita Ligure: poliziotto in borghese punirà chi non fa raccolta differenziata

Santa Margherita Ligure

In quel gioiellino della Riviera che è Santa Margherita Ligure per preservare ulteriormente la bellezza del luogo e per meglio tutelare l'ambiente scende in strada il poliziotto dei rifiuti. La figura del controllore deriva dal personale tecnico e vigilerà da oggi, in borghese, affinché i cittadini conferiscano correttamente i rifiuti, non lordino il suolo e provvedano a raccogliere le deiezioni delle loro amici animali. Pena, multe salatissime.

In realtà anche se i vigili urbani hanno già il compito di provvedere allo stesso genere di controllo a Santa Margherita Ligure hanno ritenuto necessario usare questa figura per supportare la raccolta differenziata. Spiega Michele Corrado, assessore comunale all'Ambiente:

La misura è volta sia alla salvaguardia del decoro urbano che a favorire l’ obiettivo obbligato del 65% di raccolta differenziata entro il 2012 quale minimo richiesto dall'Unione Europea e dalla legislazione italiana.I comuni che non raggiungeranno gli obiettivi nei termini fissati saranno sanzionati, e tale costo aggiuntivo si ripercuoterebbe inevitabilmente sui cittadini (aumento della TARSU per es.). Ad oggi questa percentuale si attesta quasi al 32%, e sebbene sia un risultato che posiziona Santa Margherita tra i comuni più sensibili della provincia di Genova, non costituisce per l’amministrazione un risultato soddisfacente o comunque sufficiente a garantire la diminuzione dell'attuale costo collettivo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Secondo il Sindaco Roberto De Marchi, la via dell'azione repressiva è l'unica possibile:

La Giunta ha preso atto delle proteste verso la carenza di civiltà che sembra caratterizzare una parte di cittadini e ospiti, e ha convenuto pienamente sull'intollerabilità di taluni comportamenti potenziando la propria azione repressiva.

Via | MenaboNews
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail