Pet Coke, l'anomalia italiana. Intervista esclusiva a Saverio Di Blasi di Aria Nuova Gela

Cos'è il Pet Coke? Me lo spiegò tempo fa un dirigente di Legambiente: "è quel che resta in fondo al barile dopo aver tratto dal maiale petrolio tutto quello che è possibile". In pratica è uno scarto di lavorazione del petrolio, che andrebbe smaltito a norma di legge come rifiuto speciale altamente inquinante.

O, almeno, così è nel resto del mondo, ma non in Italia dove, nel 2002, il governo Berlusconi per decreto trasformò la denominazione del Pet Coke da "rifiuto" in "combustibile". E, se è un combustibile, si può bruciare in centrale elettrica per produrre energia.

Lo si fa a Gela, all'interno della centrale termoelettrica dell'Eni.

Saverio Di Blasi è la persona che, da dieci anni, cerca di eliminare questa anomalia tutta italiana. Con risultati a volte positivi, a volte negativi, come nel caso del decreto governativo. Oggi è in attesa di una sentenza della magistratura gelese che ha il dossier Pet Coke sul tavolo dal 2005.

Nel frattempo ignoti malviventi gli hanno bruciato la macchina. Tre volte...