Via libera al GMES, il satellite che aiuterà i politici europei a proteggere l'ambiente

Il Parlamento europeo ha posto ufficialmente il via libera al finanziamento di 107 milioni di euro per il sistema di monitoraggio satellitare Global Monitoring for Environment and Security (GMES). Il sistema promette una maggiore sicurezza e un controllo (gratuito) sul territorio anche da parte di tutti i cittadini europei.

Il GMES affrancherà l'UE dai sistemi satellitari similari ma di provenienza statunitense e sarà pienamente operativo a partire dal 2014, ma sarà utilizzato in via sperimentale già all'inizio del prossimo anno. Esso, inoltre, servirà per monitorare l'evoluzione dei fenomeni del cambiamento climatico e dell'andamento dei processi di deforestazione in particolare sul suolo comunitario, nonché per assicurare il controllo assiduo degli ecosistemi e della biodiversità in essi presente. Lo strumento, quindi, varrà anche come mezzo fondamentale per la gestione e per la definizione di decisioni ad hoc da parte dei poteri politici nei settori cruciali dell'agricoltura, dell'energia, dell'urbanistica, delle infrastrutture e dei trasporti oltre a fornire dati essenzilai per la sicurezza ambientale e la prevenzione dei fenomeni lesivi dell'ambiente agevolando l'azione delle istituzioni a tutti i livelli.

Via | europa.eu
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO