Pellets, anche la segatura ha le spine

pelletsPer usare una frase tanto cara ai giornalisti posso affermare che in Italia è "Emergenza Pellets".
Le scorte sono finite, la produzione italiana è inesistente, l'Austria se le tiene per se, fa freddo, e quest'anno c'è stato un boom di vendite di stufe in molte regioni. Questi sono gli ingredienti principali della tragica ricetta catastrofica che per molti aspetti ricorda gli altri settori energetici di questo nostro paese.
Anche per i pellets, che non sono altro che segatura compressa,ossia scarti di falegnameria, ci affidiamo all'estero, e quando i paesi stranieri diminuiscono l'export l'Italia si scopre senza scorte.

Basta guardare il numero di commenti al precedente post riguardate le stufe a pellets per farsene un'idea. Altro tema dolente di queste stufe è la configurazione di parametri iniziali, o nel momento in cui si cambia tipo o marca del combustibile. Saremmo lieti di pubblicare un commento di qualche produttore riguardante questo problema, come mai queste stufe sono così complicate da programmare?


A onor del vero chi va su internet a cercare informazioni è spesso colui che ha problemi, così è più probabile che si concentrino sulla rete i giudizi e le critiche negative.


Per il prossimo inverno consiglio a tutti di farsi una bella scorta di pellets a partire da questa primavera, ai produttori invece consiglio di semplificare le stufe o di migliorare l'assistenza post vendita.

  • shares
  • +1
  • Mail
354 commenti Aggiorna
Ordina: