Paolo Romani, nuovo Ministro per lo Sviluppo

Paolo Romani futuro Ministro per lo SviluppoPaolo Romani, dalle 19,00 di questa sera potrebbe essere nominato nuovo Ministro per lo Sviluppo, dopo 150 giorni di reggenza ad interim di Silvio Berlusconi.

Ecoblog si interessa alla sua nomina poiché sarà proprio il nuovo Ministro, dopo la debacle di Claudio Scajola, a dover seguire i lavori per la costruzione delle centrali nucleari. E non solo, ma anche del ponte sullo stretto e di centinaia di altri opere pensate piuttosto che per migliorare la vita per distruggere inesorabilmente il nostro territorio.

Al momento Paolo Romani è ancora vice ministro allo Sviluppo economico. Di fatto è il braccio destro del Premier poiché lo ricalca e lo segue sia dal punto di vista politico sia dal punto di vista imprenditoriale. Eh già, anche Romani arriva dalla tv e la conosce molo bene. E' stato sottosegretario alla Comunicazione (qui la biografia secondo Marco Travaglio)

Per Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21, si profila, nel caso della nomina a Ministro un evidente conflitto di interesse, opinione espressa, tiene a precisare senza alcun livore:

Sarà bene ricordare che proprio Romani ha chiesto una radicale modifica della par condicio e ha chiesto l’azzeramento di tutte quelle trasmissioni Rai che non piacciono al presidente del Consiglio convocando nel suo ufficio anche riunioni dei consiglieri del cda Rai. Se questo quadro dovesse realizzarsi sarà bene che tutte le opposizioni presenti e non presenti in parlamento si riuniscano, diano vita ad un coordinamento per la difesa della Costituzione e per la salvaguardia di quello che resta dell’articolo 21 e decidano le mosse da fare da subito dentro e fuori il parlamento.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: