Limoni argentini trattati spacciati per siciliani "bio": i Nas ne sequestrano 150 tonnellate a Siracusa

Limoni argentini trattati spacciati per siciliani \"bio\": i Nas ne sequestrano 150 tonnellate a SiracusaTrasformavano limoni importati dall'Argentina e trattati chimicamente in pregiati limoni siciliani biologici. Tutto questo nel modo più antico e semplice del mondo: lavandoli e cambiandone il contenitore. La truffa è stata scoperta dai Carabinieri di Cassibile e dal Nas di Ragusa che hanno messo sott'occhio un magazzino di trasformazione agroalimentare dopo aver notato movimenti sospetti.

Perché vedere file di camion che scaricano casse di limoni importati in una terra, come la Sicilia, dove i limoni locali di certo non mancano, non poteva non dare nell'occhio. I Carabinieri, per questo, si sono appostati in attesa dell'arrivo della merce sospetta e, arrivati i camion, sono entrati dal retro beccando i truffatori con le mani nel sacco. O meglio, nella cassetta.

I limoni argentini venivano tolti dalle confezioni originali, sulle quali era chiaramente scritto in spagnolo che non erano biologici e men che meno siciliani, e lavati e confezionati in cassette indicanti l'origine siciliana e l'assoluta mancanza di trattamenti chimici. Una truffa alimentare bella e buona e che doveva rendere parecchio.

I militari, infatti, hanno sequestrato circa 150 tonnellate di limoni taroccati conservati nelle celle frigorifere del magazzino, per un valore stimato di oltre 300.000 euro.

Via | Siracusa News
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: