Squillo "imboscate" in Abruzzo. Soluzione: si taglia il bosco!

Squillo \"imboscate\" in Abruzzo. Soluzione: si taglia il bosco!Quando si dice "tagliare il problema alla radice"...

Questa è veramente geniale, anzi di più: assurda. In Abruzzo, lungo il fiume Tronto, hanno un problema: troppe prostitute che si appostano e appartano nei boschi con i clienti, creando qualche problema di ordine pubblico. Le istituzioni, a questo punto, sono state costrette a prendere provvedimenti per risolvere la questione.

La soluzione scelta, però, probabilmente non è la migliore: abbattere il bosco dove si "annidano" le maligne prostitute con i loro morbosi clienti. Un bosco mica piccolo, tra l'altro: una trentina di ettari pronti ad essere rasi al suolo dalle ruspe per togliere di mezzo la prostituzione.

Ecco, allora, che qualcuno si accorge che se il fine è anche condivisibile, il mezzo lo è molto meno: Lipu, Wwf e Pro-Natura scrivono alle istituzioni di cui sopra invitandole a trovare soluzioni alternative al disboscamento:

WWF, LIPU e ProNatura hanno inviato una lettera alle istituzioni coinvolte con un appello per fermare questa azione priva di qualsiasi senso. Si fermino le motoseghe e si affronti questa situazione moltiplicando l'assistenza sociale e le azioni volte ad alleviare il disagio, senza prendersela con gli alberi e reprimendo, invece, con ancora più forza chi sfrutta decine di donne. I popoli antichi, spesso ritenuti primitivi, pensavano che “gli alberi fossero le colonne che sorreggono il cielo”. Le associazioni auspicano che gli enti ci ripensino attingendo alla fonte di questa antica saggezza

La lettera, tra le altre cose, è anche ben scritta e non manca di humor, visto che inizia così:

Favoreggiamento della prostituzione: rei di questo grave reato migliaia di alberi verranno presto passati per le motoseghe lungo il Fiume Tronto, nel versante abruzzese. Dalla festa dell'Albero, promossa in questi anni per sensibilizzare i giovani alla difesa della natura, con nonchalance gli stessi enti sembrano ora voler passare a…fare la festa all'albero.

E poi fa notare che

Le istituzioni non hanno applicato neanche le attenuanti generiche. Tra queste l'aver assorbito migliaia di tonnellate di anidride carbonica e aver reso all'uomo prezioso ossigeno; l'aver creato una fascia di filtro affinché pesticidi, diserbanti e fertilizzanti in agricoltura non arrivassero nelle acque del fiume; l'aver dato ospitalità e rifugio a decine di migliaia di animali in un territorio divenuto sempre più ostile alla vita; l'aver difeso dall'erosione dei suoli un'importante area collinare

Vedremo se le istituzioni locali abruzzesi concederanno ai poveri alberi del boschetto delle prostitute un giusto processo. Nel frattempo un appello agli abitanti della zona: non andate con le squillo, fa male al clima e alla biodiversità!

Via | Lipu
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: