A un anno dal nubifragio di Giampilieri nulla è cambiato e i vigili del fuoco sono senza stipendio

Giampieri un anno dopo: i vigili de fuoco denza stipendio

Difesa del suolo. Per l'Italia è una parola vuota. La parola difesa in queste ore riecheggia per le bombe sui caccia, case ai Rom e accoglienza immigrati. Vogliamo parlare delle opere pubbliche? Bè certo, per il Governo ci sono la Tav in Val di Susa, il Ponte sullo Stretto (che approda su Messina guarda caso e su un territorio fragile come meringa); le centrali nucleari. Punto.

Ieri, un nuovo nubifragio e altro allarme che scatta a Giampilieri. La situazione è la medesima di un anno fa, quando persero la vita nove persone e nulla è cambiato nel comune della provincia di Messina. Le case non distrutte dal fango sono li e sono abitate nonostante l'allarme lanciato dai geologi.

I vigili del fuoco che parteciparono alle operazioni di soccorso a Giampilieri intanto annunciano sciopero per il 10 novembre prossimo: non hanno ancora ricevuto il pagamento degli straordinari fatti proprio quel 1 ottobre di un anno fa. Sono in 2700: la Regione ha proposto come contentino l'anticipo del 10%. Idea che li ha fatti infuriare ancora di più.

La giaculatoria del Governo e degli enti è la medesima: non ci sono soldi. Ovviamente ce ne sono per le altre opere pubbliche sopra citate. Il punto è che il suolo non è vissuto come un elemento da curare. In passato, nell'Italia rurale, il suolo, il terreno erano una ricchezza da preservare. Dai contadini, agli allevatori, ai cacciatori, tutti provvedevano alla manutenzione del suolo su cui abitavano e lavoravano, ben sapendo che da quella manutenzione dipendeva la loro sopravvivenza.

Un anno fa si disse: è colpa delle persone che costruiscono accanto agli argini; sul letto di un fiume. Vero in parte, ma l'altra verità è che il suolo italiano è fragile e che non spendiamo un centesimo per curarlo. I soldi si usano, quando si usano, nel post tragedia: per riparare, colare cemento e pietre. Che però possono fare ben poco se non si progettano lavori che incidano in maniera totale sul problema.

Foto | Nuovosoldo

  • shares
  • Mail