I fenicotteri tornano a nidificare in Sicilia grazie alla sospensione della caccia

Scritto da: -

Circa cinquanta nidi di fenicottero - volatile particolarmente protetto dalla Direttiva “uccelli” e dalla legge 157 - sono stati censiti dagli ornitologi della Lipu e dai birdwatchers di Ebn Italia nelle aree di Pachino, Cuba e Longarini (a cavallo tra le province di Ragusa e di Siracusa) mentre portavano avanti la loro attività di lotta al bracconaggio.

Non accadeva da moltissimo tempo e, soprattutto, non qui. Recentemente, infatti, dei pallidi tentativi di nidificazione erano stati segnalati nel periodo compreso tra il 2000 e il 2004 ma esclusivamente nell’areale della riserva orientata di Vendicari.

Si tratta oggettivamente di una splendida notizia che, da sola, commenta l’importanza della chiusura totale della caccia specialmente nelle aree di particolare pregio naturalistico. Alcuni mesi fa, infatti, l’isola era stata al centro di infiammate polemiche tra i cacciatori a seguito dell’accoglimento del TAR, prima, e del CGA ( il Consiglio di Giustizia Amministrativa), poi, di tutti i punti impugnati da Legambiente Sicilia e dal MAN (Mediterranean Association for Nature) contro il calendario venatorio dell’Assessore Titti Bufardeci, ottenendo la sospensione della stagione venatoria. Del resto, i dati parlano chiaro: rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente il numero di specie presenti in Sicilia e, in particolare, nei pantani e nelle aree di pregio, è quasi decuplicato con la felice incursione persino della moretta tabaccata, terribilmente a rischio.

Via | Sicilia informazioni
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 275 voti.