La battaglia persa (per ora) contro l'over-packaging

Poi dicono che noi mamme siamo esaurite! Guardate il video su e ditemi se vi sembra normale che per vendere due fogli di tatuaggi per bambini si debbano impacchettare in 4 strati di plastica e cartone per giunta plastificato. L'over-packaging è un fenomeno che riguarda moltissimi prodotti, dai gadget elettronici, alle cartucce per le stampanti, ai panini nei fast food, fino agli alimenti negli ipermercati: nessuno escluso.

Troppi rifiuti con l'over-packaging


Scrive Antonio Galdo, autore del libro Non sprecare (Giulio Einaudi Editore):

Oggetti confezionati con tanta furbizia, la sicurezza è un discorso a parte, aumentano il loro costo per il consumatore tra il 20 e il 70 per cento del prezzo. L’over-packaging lo paghiamo due volte, prima e dopo.

Dunque, pensiamo di vietare le buste di plastica nei negozi ma resta intatto tutto il resto. Siamo proprio schizofrenici evidentemente. O forse il rispetto per l'ambiente è davvero un obiettivo poco efficiente per una economia che ruota intorno al consumo sfrenato.

Foto | Ecoble

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: