L’anima green di X Factor

X Factor ha una coscienza ambientale. Non ci credete? Guardate questo simpatico video con l’intervista a Violetta, Aba e il gruppo vocale degli Street Clerks, alcuni dei concorrenti in gara nella settima edizione del talent show.

Ci sono due buone notizie in questo video. La prima è che alcuni comportamenti semplici come bere l'acqua del rubinetto (e chiuderlo quando non serve più), spegnere le luci, andare in bicicletta, fare la differenziata sono ormai entrati nella prassi quotidiana di molte persone, compresi questi giovani artisti.

La seconda buona notizia è che emergono altre best pratices per nulla scontate; la più importante è sicuramente quella di Valerio (chitarra acustica degli Street Clerks) che dice che per inquinare meno, mangia poca carne. Anche se il collegamento tra consumo di carne e inquinamento forse non è evidente a prima vista, ridurre la nostre abitudini carnivore è la singola scelta migliore che come individui possiamo fare per devastare meno l'ambiente.

Aba, del gruppo di Elio, spiega con grande precisione come il coro di cui fa parte si sia impegnato ad azzerare le emissioni di CO2; è un fatto di grande rilevanza perché unisce l'utile (l'ambiente) al dilettevole (la musica). Commenta giustamente la cantante:

«Credo sia un percorso obbligato: le future generazioni non possono scontare quello che stiamo facendo adesso... le città intelligenti, l'energia sostenibile e la ricerca fatta su questo tema devono essere supportate maggiormente.»

Anche gli altri artisti hanno le idee abbastanza chiare sull'energia del futuro; Cosimo, suonatore di contrabbasso per gli Street Clerks dice:

«Siccome il petrolio prima o poi è destinato a finire e oltretutto causa guerre e casini internazionali, bisognerebbe cominciare a trovare un'alternativa»

La giovanissima Violetta del gruppo Under Donne di Mika, invece, auspica la diffusione di auto e scooter elettrici:

«Sono gli strumenti del futuro perché sono convinta che prima o poi le risorse che abbiamo sempre usato finiranno»

Insomma, le azioni quotidiane dei singoli possono molto per rendere il futuro un po' più sostenibile, #unmotivoinpiù per impegnarsi nel programma delle "8 R"  di Serge Latouche: rivalutare, ricontestualizzare, ristrutturare, rilocalizzare, ridistribuire, ridurre, riutilizzare, riciclare. Otto obiettivi fondamentali, secondo l’economista e filosofo francese, per rispondere alle attuali problematiche ambientali.

Se il vincitore del talent show fosse uno di questi concorrenti (insomma… il prossimo Marco Mengoni), c'è da sperare che magari possa mettere un po' di questa anima green nei propri futuri successi musicali.

Iniziativa realizzata in collaborazione con Enel Energia.

Enel Concorrenti XFactor