Acqua all'arsenico, Fazio: "Non prevedevamo un parere negativo alle deroghe". Per Federconsumatori si preannuncia il reato di avvelenamento

Ferruccio Fazio ministro per la sanit� 

L'arsenico è tossico. Non solo, è anche cancerogeno. E ovviamente le deroghe che prevedevano un continuo innalzamento delle soglie per rendere per legge l'acqua potabile, non potevano essere concesse per sempre. Lo stop della Commissione europea al meccanismo delle deroghe è arrivato l'11 novembre scorso ma la notizia è stata resa nota solo ieri.

Ma questo Ferruccio Fazio Ministro per la Salute dichiara di non saperlo e dice secondo quanto riporta Terra di oggi a pag. 2:

Non ce lo aspettavamo. Non prevedevamo un parere negativo.

A essere interessati dal meccanismo delle deroghe che concedevano continui innalzamenti di presenza legale di arsenico nelle aque potabili sono 128 comuni di cui 91 nella provincia di Roma (alla fine del documento della Ue l'elenco dei comuni coinvolti). Scrive perciò la Commissione Europea:

Per quanto riguarda l'arsenico, le prove scientifiche nei documenti indicati in riferimento negli orientamenti dell'Organizzazione mondiale della sanità e nel parere del comitato scientifico dei rischi sanitari e ambientali consentono deroghe temporanee fino a 20 μg/l, mentre valori di 30, 40 e 50 μg/l determinerebbero rischi sanitari superiori, in particolare talune forme di cancro. Pertanto occorre autorizzare unicamente deroghe per valori di arsenico fino a 20 μg/l.

Le associazioni dei cittadini e dei consumatori, intanto, stanno predisponendo una class action mentre secondo Federconsumatori si prefigura il reato di avvelenamento colposo. Dichiara il presidente Rosario Trefiletti:

Bisogna, quindi, intervenire subito, ponendo dei filtri negli acquedotti ed applicando opportune miscelazioni per purificare l’acqua potabile. In mancanza di ciò Federconsumatori metterà in campo i suoi uffici legali, per denunciare tali comportamenti vergognosi e sconsiderati, che prefigurano il reato di avvelenamento colposo.

Foto | Federazione sanità

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: