Enel inaugura il Carbon Capture and Storage a Brindisi

L' Enel ha inaugurato ieri a Brindisi il primo impianto pilota a tecnologia CCS (carbon capture and storage) nel nostro paese. L’innovazione, attiva a partire dal 2012, dovrebbe permettere la cattura e il successivo confinamento della Co2 prodotta dalla centrale a carbone Federico II per la produzione di energia elettrica entro formazioni geologiche (tra cui giacimenti esauriti di gas, rocce porose o cavità acquifere saline) consentendo un drastico ridimensionamento della sua concentrazione nell’atmosfera.

Tra numerose polemiche che infiammano la comunità scientifica internazionale e la necessità di ridurre la concentrazione di sostanze inquinanti nell'aria, l'Enel è riuscita ad avvantaggiarsi dei cospicui finanziamenti dell'UE (100 milioni di euro) previsti nello "European Energy Programme for Recovery" garantendosi, in questo modo, anche la copertura per l'estensione del progetto all’impianto a carbone di Porto Tolle, in provincia di Rovigo. Altri 7 progetti dimostrativi di questo tipo saranno presto portati avanti nel territorio dell'Unione.

Secondo le stime Enel, l'impianto CCS di Brindisi potrà essere in grado di trattare 10 mila metri cubi l'ora di fumi provenienti dalla centrale a carbone, separando circa 2,5 tonnellate l'ora di CO2, per un tetto massimale calcolato intorno alle 8mila tonnellate annue quanto, cioè, sarebbero in grado di assorbire 800mila alberi. Successivamnete, poi, la CO2 trattata sarà trasferita al sito Eni/Stogit di Cortemaggiore (Piacenza), dove si provvederà a immagazzinarla nel sottosuolo...

Via | Youtube

  • shares
  • +1
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: