Kenya, metà dell'energia dal fotovoltaico entro il 2016!

Il governo intende investire un miliardo di € nel fotovoltaico. Ci sono inoltre ottime prospettive per l'eolico e la geotermia. Il Kenya potrebbe così diventare il leader delle rinnovabili in Africa.

Kenya renewables La produzione di energia elettrica del Kenya è talmente ridotta (meno di 10 TWh con 1,5 GW di potenza), un trentesimo dell'Italia, pur avendo due terzi della popolazione) che la BP non lo considera nemmeno nelle sue statistiche. Eppure le cose potrebbero cambiare rapidamente.

Il governo kenyota è fortemente determinato a costruire nove grandi impianti fotovoltaici, in modo da portare al 50% la quota di energia elettrica prodotta con il solare entro il 2016 con un finanziamento di circa un miliardo di €, che verranno raddoppiati nella partnership con il privato.

Come in Etiopia, esistono anche ottime prospettive per l'energia geotermica (vedi video in fondo al post): dopotutto qui l'attività vulcanica è tutt'altro che trascuravile. La speranza è fare crescere gli attuali 200 MW fino a 5 GW nei prossimi vent'anni. Inoltre il Kenya ospita il più grande parco eolico africano, 300 MWnei pressi del lago Turkana, proprio quello dove sono stati ritrovati alcuni dei nostri antenati, tra cui il cosiddetto "ragazzo del Turkana" di 1,5 milioni di anni fa.

La vendita di lampade a LED off grid alimentare  ad energia solare è cresciuta del 120% lo scorso anno. Insomma, il Kenya rinnovabile sta letteralmente esplodendo; inoltre ha la grande fortuna di non avere risorse di petrolio degne di nota e quindi nessuna lobby fossile che possa disturbare il suo sereno sviluppo.

Energie rinnovabili in Kenya
Energie rinnovabili in Kenya

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: