In Italia il Governo vuole abrogare la trasparenza sulla localizzazione delle centrali nucleari

paolo romani e berlusconi La X Commissione si appresta a votare il decreto sul nucleare in cui saltano gli obblighi di informare i cittadini su dove saranno localizzate le centrali nucleari. Il decreto è in commissione per apportare le modifiche richieste dalla Consulta, ossia che va richiesto il parere delle Regioni anche se non è vincolante.

Va licenziato, il decreto, comunque entro il 23 marzo, perché diversamente decade. Cosa si deciderà in questo decreto? Dal sito della Camera:

Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 31, recante disciplina della localizzazione, della realizzazione e dell’esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare, dei sistemi di stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi, nonché benefici economici e campagne informative al pubblico.

La rivelazione della mancanza degli obblighi di comunicazione è svelata da L'inkiesta:

Nella versione iniziale, infatti, si prevedeva che la definizione dei criteri e lo schema definitivo fossero pubblicati sui siti internet di tre ministeri, dell’Agenzia per il nucleare e su almeno cinque quotidiani a diffusione nazionale. Questa pubblicità massima serviva perché gli enti locali interessati potessero formulare le proprie obiezioni. Anche le consultazioni con gli enti locali interessati, e le motivazioni del loro eventuale rifiuto, dovevano essere pubblicate sugli stessi siti internet e gli stessi quotidiani. Nella versione in discussione da domani, quella che è stata richiesta dalla Corte Costituzionale per tutelare una maggiore trasparenza, tutto questo è sparito. Si legge che i commi 2 e 3 che sancivano questi obblighi sono stati semplicemente abrogati. Sarà pur vero, come dicono fonti vicine al dossier, che il diritto dei cittadini a conoscere questi criteri è già tutelato dall’imposizione di Valutazione Ambientale Strategica sancita dalle norme generali. Tuttavia, non è un bel segnale di rispetto eliminare un obbligo in più, e per di più in zona Cesarini. In fondo, pubblicare un decreto legge su pochi siti istituzionali e su qualche giornale, costa pochi soldi e nessuno sforzo.

Foto | Hai sentito

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: