Inaugurato il Sapei: finalmente la rete elettrica della Sardegna si connette a quella della Penisola

Cavi elettriciIn un periodo in cui gli ideali federalisti balzano agli onori della cronaca e l'appuntamento con il 150° anniversario dell'unità di Italia è diventato spesso occasione per rimarcare un po' di preoccupazione verso chi non sostiene uno Stato unitario, arriva finalmente una notizia positiva che unisce lo stivale più nei fatti che non nelle parole. Nei giorni scorsi infatti, seppur non se ne sia parlato tanto a livello nazionale, è stata inaugurata un’infrastruttura che l’Italia la unisce nel vero senso della parola.

Si tratta del Sapei (sigla di Sardegna-Penisola italiana) ovvero il cavo elettrico lungo 435 chilometri che collega il centro di Borgo Sabotino (Latina) a Fiumesanto (Sassari): finalmente quindi la rete elettrica della Penisola italiana sarà collegata a quella Sardegna. Si tratta del primo collegamento elettrico diretto tra la Sardegna e il continente, che era si attivo da qualche anno, ma soltanto in via sperimentale. Il cavo, che ha una potenza di 1.000 MW e un costo di 750 milioni di euro, è il più importante mai realizzato in Italia per una singola infrastruttura elettrica. Vantaggi? Sicuramente tantissimi e tutti estremamente importanti.

Innanzitutto la questione dell'approvvigionamento energetico della Sardegna: grazie al Sapei infatti l'isola non sarà più energeticamente slegata dalla rete nazionale e di conseguenza potrà contare sull'apporto della produzione nazionale, risparmiando così una marea di costi (si stima circa 70 milioni l'anno) che erano determinati dall'insularità di rete e dai maggiori costi che l'isolamento determinava. Ma c'è di più e quest'aspetto non può che far piacere a tutti i sostenitori delle energie rinnovabili: il surplus di energia prodotto potrà infatti essere esportata alla Penisola e per surplus intendo quella quota di energia generata dalle rinnovabili (in particolar modo dall'eolico e dal fotovoltaico) che in precedenza per problemi appunto di scarsa estensione della rete poteva essere utilizzata soltanto nei momenti di alta domanda energetica.

Si tratta quindi di uno strumento che potenzia la possibilità di far ricorso alle rinnovabili e crea le condizioni affinché la percentuale di energia pulita nel nostro mix energetico possa crescere senza creare problemi di stabilità alla rete. Infine (questo però è un desiderio più che un dato di fatto) si spera che attraverso questo strumento anche i costi delle aziende dell'isola possano subire un ritocco verso il basso, dato che da sempre la Sardegna, oltre all'handicap dei alti oneri di trasporto dei propri prodotti per l'esportazione via mare (condizione ovviamente obbligata), ha anche dovuto da sempre far fronte ad un costo più alto rispetto alla Penisola per la produzione dell'energia elettrica.

Via | Sapei.it
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: