In Puglia gli spagnoli sfruttano gli immigrati per costruire parchi fotovoltaici gratis

In Puglia gli spagnoli sfruttano gli immigrati per costruire parchi fotovoltaici gratisCi sono posti, in Puglia, dove l'energia fotovoltaica è nera. E malamente sfruttata. La vicenda ricorda le coltivazioni di cotone: la Tecnova, azienda spagnola che sta costruendo molti parchi fotovoltaici a terra in Puglia, ha ingaggiato centinaia di immigrati a 55 euro al giorno per 7 ore di lavoro. Salvo poi farli lavorare il doppio e per metà della paga.

Ciliegina sulla torta: non paga un centesimo da tre mesi. Gli immigrati non ce l'hanno fatta più e si sono ribellati: denunce ai sindacati e agli avvocati, manifestazioni davanti la sede brindisina di Tecnova (ma sono tutti spariti, si dice siano tornati in Spagna di gran corsa) e clamore mediatico annesso perché, come riporta Brindisireport lo sfruttamento raggiunge livelli ottocenteschi:

Chi protesta, licenziato. Chi si ammala, licenziato. Chi si assenta, licenziato. Chi perde un occhio, chiede di poter ricevere le giuste cure e presentare il certificato medico, licenziato.

Alla fine la magistratura ha anche aperto un'inchiesta per fare chiarezza su questa modernissima forma di caporalato. A quanto pare, infatti, c'è dietro qualcuno che recluta gli immigrati. Una nuova forma di ecomafia?

Via | Brindisireport.it, Lecce Prima
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: