Obama e Hollande: "E' intesa sul clima"

Il Presidente americano Obama e quello francese Hollande pubblicano un appello sul clima: "Accordo mondiale per la riduzione delle emissioni"

E' un vero e proprio ponte, anche se al momento fatto solo di belle speranze, quello gettato da Washington a Parigi dai presidenti Obama ed Hollande: questa mattina i due capi di stato hanno pubblicato, il primo sul Washington Post ed il secondo su Le Monde, un appello congiunto sul clima in vista della prossima conferenza sul clima di Parigi.

L'appello dei due capi di stato è, in un certo senso, storico, aperto a tutti i paesi del mondo affinchè si faccia tutto il possibile per diminuire il livello delle emissioni di gas serra: Obama ed Hollande chiedono misure drastiche, concretezza legislativa, una vera e propria assunzione di responsabilità chiesta a tutti i protagonisti dello scacchiere mondiale.

Con il titolo "Un'alleanza trasformata" i due leader mondiali propongono al mondo un nuovo asse sull'Atlantico, volto non solo a risolvere le problematiche in campo climatico, ma anche a risollevare le sorti economiche dei due paesi, proprio grazie a nuove politiche antiemissioni.

I due presidenti auspicano una partnership internazionale, in primis tra Stati Uniti e Francia, che impronti il dibattito sul clima come un modello di cooperazione internazionale:

"Mentre ci prepariamo alla Conferenza sul clima prevista a Parigi l'anno prossimo, continuiamo a invitare tutti tutti i paesi a unirsi nella nostra ricerca di un accordo globale e ambizioso per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra attraverso misure concrete."

si legge nell'appello. Azioni concrete, chiedono i due leader che per primi annunciano un nuovo e più concreto impegno in materia climatica; nuovi approcci industriali e nuovi modelli energetici devono essere al centro, spiegano Obama ed Hollande, delle politiche di sviluppo del prossimo futuro, di modo che il mondo non intraprenda un semplice percorso economico-industriale per uscire dalla recessione, ma che sfrutti l'occasione per abbattere le emissioni di gas serra, che ogni anno di più mettono a repentaglio la salute dell'intero pianeta.

L'appello di Barack Obama e François Hollande

BRITAIN-G8-SUMMIT

Un'alleanza trasformata

Attualmente, i diplomatici statunitensi e francesi stanno preparando il terreno per avviare trattative con l'Iran per gettare le basi dell'accordo per sospendere ed interrompere tutti i progressi chiave del programma nucleare iraniano. I funzionari francesi e americani si scambiano quotidianamente informazioni per la combattere contro il terrorismo nel mondo. In tutta l'Africa e gli altri continenti sono attivi i nostri esperti di sviluppo per aiutare gli agricoltori aumentare i loro rendimenti ed uscire dalla povertà. Nei forum internazionali come il G8 e il G20, gli Stati Uniti e Francia stanno lavorando per promuovere una crescita forte, sostenibile ed equilibrata, che aumenti impiego e stabilità; ci troviamo ad affrontare le sfide globali che nessun paese può affrontare da solo. Nelle giovani imprese ad alta tecnologia di Parigi e nella Silicon Valley degli Stati Uniti, imprenditori francesi e americani sviluppano tutte le innovazioni che guidano l'economia globale.

Solo un decennio fa in pochi avrebbero immaginato i nostri due paesi che lavorano così strettamente insieme; negli ultimi anni la nostra alleanza si è trasformata. Dal ritorno della Francia nel comando militare della Nato quattro anni fa, coerentemente con il nostro impegno costante per rafforzare il partenariato NATO-Unione Europea, abbiamo ampliato la nostra cooperazione a tutti i livelli. Ci sono nazioni sovrane e indipendenti che rendono le nostre decisioni basate sui nostri rispettivi interessi nazionali. Eppure siamo stati in grado di spostare la nostra alleanza su un nuovo livello, perché i nostri interessi e i nostri valori si sono così strettamente allineati.

Radicata in un'amicizia che risale a più di due secoli fa, la nostra partnership offre un modello per la cooperazione internazionale: le sfide transnazionali non possono essere portate a termine da una nazione in solitaria. le altre nazioni devono farsi avanti e condividere l'onere dei costi della leadership, le altre nazioni devono mostrare senso di responsabilità per il rispetto della sicurezza globale e la pace, portando avanti la libertà dei diritti umani.

Sulla base del primo contratto con l'Iran siamo uniti con i nostri partner - Gran Bretagna, Germania, Russia e Cina - e con l'UE, che si riunirà la prossima settimana a Vienna per iniziare le discussioni volte a raggiungere una soluzione completa per impedire all'Iran di ottenere un'arma nucleare. In Siria, la minaccia credibile ha spianato la strada per il piano di eliminazione delle armi chimiche della Siria; ora quel paese deve rispettare i suoi obblighi. Con la guerra civile siriana che minaccia la stabilità della regione mediorientale, tra cui il Libano, la comunità internazionale deve intensificare gli sforzi per la cura per il popolo siriano, rafforzare l'opposizione siriana moderata e lavorare attraverso il processo di Ginevra II verso una transizione politica.

Forse la nuova partnership non è osservabile meglio in nessun luogo che in Africa. In Mali, francesi e forze dell'Unione Africana - con il supporto logistico e informativo degli Stati Uniti - hanno spinto indietro gli insorti collegati ad al-Qaeda, consentendo al popolo del Mali di perseguire un futuro democratico. In tutto il Sahel stiamo collaborando con i paesi per impedire al-Qaeda di ottenere nuovi appigli. Nella Repubblica Centrafricana francesi e soldati africani dell'Unione - sostenuti dal trasporto aereo e da sostegno americano - stanno lavorando per arginare la violenza e creare spazio per il dialogo, la riconciliazione e rapidi progressi alle elezioni di transizione.

In tutto il continente, dal Senegal alla Somalia, stiamo aiutando addestrare ed equipaggiare le forze locali di modo che possano assumersi la responsabilità per la propria sicurezza. Stiamo collaborando con i governi e cittadini che vogliono rafforzare le istituzioni democratiche, migliorare l'agricoltura e alleviare la fame, ampliare l'accesso all'elettricità e fornire trattamenti sanitari che salvano la vita messa a rischio dalle malattie infettive: i nostri due paesi sono stati i primi e sono tra i più forti campioni del Fondo Globale per la lotta all'AIDS, la tubercolosi e la malaria.

Accanto a tale alleanza, rivitalizzata sulla scena mondiale, stiamo anche lavorando per approfondire la nostra relazioni economiche bilaterali: la Francia è uno dei mercati principali di esportazione in America, e gli Stati Uniti rappresentano il più grande cliente di prodotti francesi al di fuori dell'Unione europea, un commercio che supporta quasi un milione di posti di lavoro nei nostri due paesi. La nostra cooperazione in campo scientifico e nell'istruzione è illustrato da partenariati già esistenti tra le nostre università, i laboratori di ricerca migliori e le agenzie spaziali. Ma, come le società imprenditoriali che hanno a cuore lo spirito di invenzione e creatività, dobbiamo fare di più per guidare il mondo nel campo dell'innovazione.

I commerci e gli investimenti che stiamo perseguendo tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti sono una grande opportunità per costruire milioni di nuovi posti di lavoro su entrambi i lati dell'Atlantico, già sostenuti dal commercio USA-UE: tale accordo si tradurrebbe in più commercio, più posti di lavoro e maggiori opportunità di esportazione, anche per le piccole imprese in entrambi i nostri paesi. Equivarrebbe anche a costruire una base duratura per promuovere sforzi volti ad aumentare la crescita e la ripresa economica globale.

Questo include la nostra leadership per combattere il cambiamento climatico. Anche se le nostre due nazioni si sono già imposte, ed hanno già ottenuto risultati, di ridurre le emissioni di carbonio, possiamo espandere le partnership energetiche "verdi" che creano posti di lavoro, spostandoci verso una crescita a basso tenore di carbonio. Possiamo fare di più per aiutare i paesi in via di sviluppo che si spostano verso modelli energetici a basso sfruttamento di carbonio e cominciare a risolvere problemi come l'innalzamento del livello del mare e delle tempeste più intense. Lavoriamo per una efficace Conferenza sul clima, il prossimo anno a Parigi, continuando a sollecitare tutte le nazioni ad unirsi a noi alla ricerca di un accordo mondiale ambizioso e globale che riduce le emissioni di gas serra attraverso azioni concrete. Il vertice sul clima organizzato dal segretario generale delle Nazioni Unite il prossimo settembre ci darà l'opportunità di riaffermare le nostre ambizioni per la conferenza sul clima di Parigi.

Le sfide del nostro tempo non possono più essere ignorate: il futuro che cerchiamo, come sempre, deve essere guadagnato. Per più di due secoli i nostri due popoli hanno resistito insieme per guadarnarsi la libertà reciproca. Ora stiamo affrontando le nostre responsabilità: il mondo è più sicuro perché la nostra alleanza già duratura è stata rinnovata.

Barack Obama e Francois Hollande

  • shares
  • Mail