100% dell'energia da vento, sole, acqua e biomasse? Per il Fraunhofer è possibile

Con un aumento significativo, ma realistico, della sua produzione rinnovabile, la Germania potrebbe soddisfare tutti i propri bisogni energetici entro il 2050, compresi i trasporti e il riscaldamento.


Il Fraunhofer Institut ama guardare lontano ed ha provato ad immaginare uno scenario in cui la Germania sarà alimentata nel 2050 al 100% da energie rinnovabili, e non stiamo parlando solo dell'energia elettrica, ma di tutti i consumi, quindi anche il riscaldamento e i trasporti.

Riducendo alcuni consumi e migliorando l'efficienza, è possibile soddisfare la domanda di energia con "soli" 1000 TWh (vedi grafico in basso), di cui 486 dall'eolico on shore, 240 dall'offshore, 190 dal fotovoltaico, 50 dalle biomasse e 24 dall'idroelettrico (la Germania ha poche montagne). Questo significherebbe moltiplicare per nove l'attuale produzione rinnovabile; traguardo ambizioso, ma possibile, tenendo anche conto dei miglioramenti nella tecnologia.

Già, ma come funzionerebbe un mondo elettrico?

Il riscaldamento verrrebbe fornito da pompe di calore che possono più o meno moltiplicare per tre l'energia elettrica impiegata (1). Con un miglioramento dell'isolamento termic, le esigenze di calore in Germania sarebbero soddisfatte da 330 TWh.

I trasporti verrebbero realizzati con la doppia modalità di veicoli elettrici (120 TWh) e power-to-gas (235 TWh), cioè produzione di metano da fonti rinnovabili, di cui esistono già dei prototipi.

La nostra speranza è che vinca il modello tedesco, progettuale e fortemente orientato alle rinnovabili, rispetto al modello americano, troppo timido e dominato dalle lobby fossili.
Scenario rinnovabili Germania

(1) La pompa di calore usa l'energia elettrica per spostare energia da un ambiente più freddo (esterno) ad uno più caldo (interno), in modo analogo ad un frigorifero (dove però gli ambienti sono scambiati).  Il rapporto tra calore in uscita e lavoro in ingresso è detto coefficiente di prestazione; dipende dalla differenza di temperatura, ed è all'incirca uguale a tre se il freddo esterno non è troppo intenso

  • shares
  • Mail