Barbie distrugge le foreste? Ken la lascia, la campagna di Greenpeace

Il packaging della più celebre bambola del mondo, la bionda Barbie, è realizzato con carta derivante dal legname proveniente dalle foreste pluviali. Greenpeace ha organizzato una spettacolare campagna d'informazione e boicottaggio sulla nefasta politica di Mattel. L'idea è semplice: mettere al corrente lo storico compagno di Barbie, Ken, delle pratiche a cui si dedica la fidanzata quando sostiene di andare nella foresta pluviale per un "servizio fotografico". Quando Ken scopre che Barbie contribuisce alla distruzione dell'habitat di specie in via d'estinzione come la Tigre di Sumatra decide di lasciarla per sempre.

Il video che sta diffondendo la campagna virale di Greenpeace ha già fatto il giro del web mentre gli attivisti dell'organizzazione ambientalista hanno dato l'assalto alla sede di Mattel esponendo lo striscione nel quale Ken annuncia a Barbie di non volere più nulla a che fare con lei. Dal sito è possibile inviare una mail di protesta, firmata, alla celebre casa produttrice di giocattoli.

Come capita spesso Greenpeace prende di mira i marchi più in vista (si veda il caso della Apple) con lo scopo di sensibilizzare sulle pratiche distruttive per l'ambiente che queste aziende metto in atto senza scrupoli per aumentare i loro profitti. La reazione dei consumatori, informati e coscienti di queste malefatte, è fondamentale per fare pressione sulle corporation. Qui potete trovare il report preparato da Greenpeace in PDF, qui invece la versione animata.

Le foto dell'assalto di Greenpeace alla Mattel



Le foto dell\'assalto di Greenpeace alla Mattel

Le foto dell\'assalto di Greenpeace alla Mattel
  • shares
  • Mail