Shell fatica a chiudere la perdita di petrolio nel mare del Nord

Shell, le foto della scia di petrolio

Mercoledì scorso sulla piattaforma Gannet Alpha di proprietà della Shell al largo di Aberdeen in Scozia, mare del Nord, si è aperta una falla. Conseguenza è stata la fuoriuscita di 1300 barili, circa 260 tonnellate di greggio a 180km dalle coste. Secondo le stime della compagnia la scia si estende per 31 km di lunghezza e 4,3 km di larghezza. Shell assicura che il petrolio non toccherà le coste e che comunque sono riusciti a controllare la falla pruncipale. Eh già, perché sembra che la falla sia più di una. Si parla, al momento di una seconda fuoriuscita la cui fonte sarebbe collocata in un punto molto profondo e difficilmente raggiungibile.

Shell, le foto della scia di petrolio
Shell, le foto della scia di petrolio Shell, le foto della scia di petrolio Shell, le foto della scia di petrolio

Perché si sono aperte le falle? Le cause per ora sono sconociute. Ma Shell fa sapere che è ancora troppo presto per parlare di marea nera. Resta di fatto una delle perdite di petrolio più importanti, degli ultimi 10 anni, su un impianto di estrazione nel mare del Nord.

Vigila sulle acque la Marina Scozzese.

Via | Les Echos
Foto | Marine Scotland

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: