Il decreto taglia bollette taglia anche le rinnovabili, per Silvia Velo indiscrezioni infondate

La proposta del ministero per lo Sviluppo di ridurre del 10% la bolletta energetica per le piccole e medie imprese non è condivisa dai produttori delle rinnovabili che si vedrebbero sottrarre sostegni dirottati sulle energie convenzionali

La necessità di ridurre la bolletta energetica alle PMI del 10% si scontra in queste ore con le necessità dei produttori di energie rinnovabili e di quei cittadini che hanno scelto l'auto produzione. Sarebbe questo in sostanza il succo del decreto spalma incentivi e ragione dell'allarme lanciato da QualEnergia.it e Legambiente. Ma proprio poche ore fa Silvia Velo sottosegretario all'Ambiente a margine della conferenza ha precisato durante la conferenza Nuovi orizzonti per il Patto dei Sindaci che si è tenuta oggi a Roma nella sede dell'Enea:

La revisione al meccanismo di incentivazione alle energie rinnovabili deve essere accompagnata da interventi normativi che rendano più agevoli le procedure di autorizzazioni degli impianti. Il "decreto spalma incentivi" è in fase di lavorazione da parte del ministero dello Sviluppo economico per un provvedimento che riveda il meccanismo degli incentivi alle rinnovabili, ma al momento sono del tutto infondate le indiscrezioni di stampa che circolano in queste ore e che riprendono le linee-guida del provvedimento.


silvia velo

Il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini non è d'accordo e in una nota inviata alla stampa scrive:

Tagli retroattivi agli incentivi per il solare fotovoltaico anche per famiglie e agricoltori, tasse sull'autoproduzione da nuovi impianti da fonti rinnovabili anche senza incentivi, ma pure soldi pubblici presi dalle bollette per salvare il fallimentare progetto di rigassificatore a Livorno: i contenuti del provvedimento che il Governo dovrebbe approvare nei prossimi giorni, anticipati ieri dal Ministero dello Sviluppo economico, per mantenere la promessa di riduzione del 10% delle bollette alle piccole e medie imprese vanno in una direzione esattamente contraria agli interventi di cui il Paese avrebbe bisogno. Cambiano i Governi ma non le scelte contro le fonti rinnovabili. Le proposte del Ministro Guidi che dovrebbero consentire di tagliare le bollette delle piccole e medie imprese sembrano avere come unica prospettiva quella di fermare la crescita delle rinnovabili e di aiutare i grandi gruppi energetici in crisi.

Scrivono su QualEnergia.it:

Se il mercato elettrico fosse gestito in modo efficiente, gli utenti potrebbero beneficiare da subito di una buona parte dei 23 €/MWh di riduzione del PUN che si sono avuti anche grazie alle rinnovabili. Un valore che corrisponde proprio al 10% di sconto in bolletta promesso da Renzi.

Era il marzo 2013 quando Chicco Testa presidente di Assoelettrica ci diceva che la coperta era corta e dunque è del tutto plausibile nonostante le rassicurazioni del sottosegretario Velo che la strada intrapresa dal governo in materia di rinnovabili sia esattamente la stessa tracciata dai ultimi governi: incentivare le lobby petrolifere.

Foto | Silvia Velo @ Facebook

  • shares
  • Mail