Il nuovo stadio della Juventus è "eco": riciclati e riutilizzati i materiali del vecchio Delle Alpi


Il nuovo stadio della Juventus è pronto. Il primo di proprietà di una squadra di calcio sarà inaugurato l'8 settembre prima di fare il suo debutto in una gara ufficiale l'11 settembre nella gara di campionato contro il Parma (ammesso sia finito lo sciopero dei calciatori). L'impianto è il vanto della società bianconera, costruito sullo stesso sito del vecchio Delle Alpi, quindi senza nuovo consumo di terreno, ma soprattutto edificato cercando di ridurre al minimo l'impatto ambientale.

Dalla demolizione del vecchio impianto, effettuata senza l'ausilio di esplosivi, i materiali sono stati separati per tipologia e riciclati, ricommercializzati e riutilizzati nella costruzione del nuovo. Il cemento armato dei gradoni è stato frantumato e utilizzato per lo strato portante del terreno, parte dei 40 mila metri cubi di calcestruzzo necessario provengono proprio da materiale legato demolizione.

L'operazione ha portato ad un recupero di 6000 tonnellate fra acciaio, rame ed alluminio con un risparmio valutato in oltre un milione di euro, il Nuovo Stadio rappresenta un'eccellenza anche dal punto di vista ambientale.

  • shares
  • Mail