Un'auto elettrica per i panni sporchi

lavanderia ecologicaNel distretto tessile di Prato lavorano 3.500 dipendenti, sparsi in circa 300 ditte. A tutti è stato offerto un servizio di lavanderia centralizzata con consegna dei vestiti direttamente sul posto di lavoro.

Il lavoratore risparmia sia sul costo del servizio (perchè è stata fatta una convenzione con alcune lavanderie) sia sul tempo per andare e tornare alla tintoria.
Il comune risparmia in traffico e consegunete inquinamento atmosferico (perchè la gente mica ci va a piedi in tintoria!) e il consorzio può regalare ai suoi dipendenti un bene raro e prezioso: del "tempo libero".

Il Conser (consorzio di servizi senza fini di lucro che rappresenta e coordina le aziende presenti nel macrolotto, ovvero le piccole e medie industrie tessili di Prato), dopo aver commissionato uno studio per scoprire quali erano i servizi che i dipendenti ritenevano più utili, ha deciso di investire in una flotta di auto elettriche che i dipendenti usano in car-sharing e car-pooling con cui, tra le altre cose, un impiegato (uno solo) porta in giro i vestiti di tutti.

Questa è solo una delle ottimizzazioni messe in atto nel distretto: le altre si possono leggere nel sito del Conser (sotto la voce EMAS). Sul foglietto illustrativo del consorzio si legge una bella esortazione: "...lo possono fare tutti. Non siamo i più bravi!"

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: