Al Dalai Lama piacciono le centrali nucleari sicure

Il Dalai lama con il primo ministro Giapponese Shinzo Abe Centrali nucleari sicure. Nel dopo Fukushima sembra un ossimoro. L'idea però che il nucleare civile possa essere sicuro piace a Tenzin Gyatso ossia XIV Dalai Lama e massima autorità spirtituale del buddhismo tibetano.

Ha dichiarato Sua Santità ai microfoni di Sky Tg24 durante la sua visita ai sopravvissuti in alcune delle zone colpite dal terremoto e dallo tsunami dello scorso 11 marzo in Giappone, teatro dell'incidente nucleare a Fukushima Daiichi ancora in atto:

Sono contrario alle armi nucleari, lo sostengo invece per fini pacifici ma è una questione molto complessa. L’umanità e il mondo hanno bisogno di più energia ma io credo che adesso la cosa più urgente sia il divario tra ricchi e poveri. Abbiamo bisogno di più energia ma finché non troviamo un’alternativa ai beni combustibili fossili, una fonte di energia pulita che non danneggi l'ambiente, fino a quel momento dobbiamo sfruttare tutte le possibilità che abbiamo. Naturalmente dipende dai popoli delle varie nazioni perché è la voce del popolo che decide. Nei regimi democratici ovviamente: in quelli totalitari è un po’ diverso.


Flash Required

Flash is required to view this media.

Download Here.

Il Dalai Lama a Ishinomaki

Foto | Dalai Lama

  • shares
  • Mail