Un minuto di silenzio nelle scuole per Chernobyl

Legambiente propone, per ricordare il ventennale dal disastro atomico di Chernobyl che gli inesegnanti il 26 aprile spieghino ai loro alunni il significato di questa ricorrenza raccontando loro il tragico episodio del 1986 per analizzarne le conseguenze e osservino un minuto di silenzio simbolico, una pausa per ricordare e riflettere.



Quando ci fu quell'incidente io ero in prima elementare. Ricordo i tg che parlavano di un esplosione, ricordo in tv un grande edificio esploso ma che non aveva fiamme, non faceva paura, il peggio sembrava passato. Ricordo le espressioni incredule e turbate dei grandi davanti al televisore e la gente che parlava spaventata di una "nube" tossica in arrivo da lontano. Ricordo che ogni tanto guardavo in alto alla ricerca di una grande nuvola verdastra e mia madre che aveva più paura del solito quando raccoglievo le cose da terra.



Voi ricordate quei giorni? Come li raccontereste ad un bambino?



[Enrico Pascucci]

  • shares
  • Mail