Ci sono fiumi sotto l'Antartide?

Qualche hanno fa si scoprì che sotto la spessissima calotta di ghiaccio che ricopre l'antartide sono presenti dei laghi. La presenza di questi laghi è possibile a causa della mancata dispersione di calore generato dal pianeta, intrappolato sotto il ghiaccio unito all'enorme pressione esercitata dalla massa di ghiaccio, che fa sì che la temperatura di scioglimento del ghiaccio si abbassi di qualche grado.


Ora un gruppo di studiosi ipotizza che questi laghi siano addirittura collegati tra di loro da una rete di fiumi, con tanto di acqua corrente.

Un satellite che monitora l'Antartide ha misurato, in un'area che corrisponde al punto in cui si trova uno di questi grandi laghi nascosti (si parla di 600 kmq, 2 volte il Lago di Garda), l'abbassamento del livello del ghiaccio di oltre 3 metri in 16 mesi, normalmente le variazioni, in un periodo di tempo equivalente non variano più di 40 cm.

Contemporaneamente a questo fenomeno si è osservato l'innalzamento della superficie del ghiacciaio in corrispondenza di altri due laghi nascosti sotto lo spesso strato ghiacciato. La conclusione più ovvia dopo queste osservazioni è che si siano formati dei fiumi che abbiano traferito l'acqua da un giacimento all'altro.




Ma perchè questi grandi giacimenti di acqua nascosti e questi misteriosi fiumi suscitano così tanto interesse?

La comunità scientifica è anziosa di scoprire cosa si cela in quelle acque, alla ricerca di forme di vita antichissime, che potrebbero essersi mantenute più o meno inalterate per milioni di anni, ma non solo. Uno dei sogni attuali della scienza è quello di andare a scoprire se esistono forme di vita sotto la coltre di ghiaccio che ricopre l'immenso oceano di Europa, satellite di Giove, alla ricerca di vita extra-terrestre. L'esplorazione dei laghi nascosti sotto l'Antartide potrebbe essere un valido allenamento.


Se l'ipotesi dei fiumi che collegano i vari laghi tra loro si rivelerà fondata sarà un problema per i ricercatori, perchè un'eventuale contaminazione, durante una delle spedizioni in programma, delle acque di uno solo di questi laghi subglaciali potrebbe comprometterli tutti.



[via Repubblica.it]



[Enrico Pascucci]

  • shares
  • Mail