Il te' che si fa da solo

te\' in barattolo, fai da teSecondo Gandhi, il tè serviva un tempo a verificare che l'acqua avesse raggiunto una certa temperatura. Sotto quella temperatura le sostanze coloranti e gustose racchiuse nelle foglie restavano nelle foglie, passata quella temperatura le pareti cellulari si spaccano e l'acqua si colora. Vedere che l'acqua si colorava serviva a confermare la sterilizzazione.

Oggi l'acqua che esce dal rubinetto è potabile, si sterilizza a temperature più alte dei 100 gradi a cui bolle l'acqua e per fare un buon tè gli esperti raccomandano anche di non far bollire l'acqua. Ecco che, usando acqua del rubinetto, diventa possibile farsi il tè senza usare il fornello: basta lasciare le bustine a mollo in un barattolo al sole (provate in campeggio!).

Gandhi non beveva tè perché diceva che la caffeina ivi contenuta rende dipendenti e che alcune sostanze contenute nel tè servivano anche per conciare le pelli e lui non desiderava "conciarsi" le budella. D'altra parte molti studi dicono che il tè verde abbassa il colesterolo cattivo. Io lo bevo.

[via CleanPower e Gianluca]

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: