Energie rinnovabili ancora al 40% della produzione tra gennaio e settembre

Confermato l'assestamento della produzione da acqua, sole e vento a valori elevati. E' giunto il momento di rilanciare le rinnovabili invece di inseguire il poco cattivo petrolio italiano

Secondo gli ultimi dati Terna resi pubblici ieri, le fonti rinnovabili nei primi nove mesi del 2014 hanno contribuito per il 40,1% alla produzione nazionale di energia elettrica, confermando il dato di giugno, con un buon incremento rispetto al 35,8% del 2013.

Le rinnovabili hanno segnato un +7,8% rispetto allo steso periodo dello scorso anno, con una buona performance soprattutto per l'idroelettrico (+10%) e il fotovoltaico (+9%), quest'ultimo nonostante il fatto che la politica miope degli ultimi tre governi (compreso l'attuale) abbia sostanzialmente fermato la crescita di questo  settore vitale.

Come si vede dal grafico in basso, il traguardo del 40% è stato tuttavia ottenuto più per un ulteriore calo dei consumi globali e del termoelettrico, che non per una crescita significativa dell'energia sostenibile, il cui ritmo di crescita è rallentato negli ultimi anni.

Senza questo 40% rinnovabile dovremmo importare il doppio del gas, con tutte le implicazioni geopolitiche connesse (Russia) e sarebbe impossibile raggiungere il traguardo di riduzione di emissioni di CO2.

Sostenere le rinnovabili e' il punto fondamentale della politica energetica italiana.

E' inutile e dannoso continuare ad estrarre il poco cattivo petrolio che abbiamo. Le risorse vanno messe nel campo delle energie sostenibili senza indugi e senza sprechi.

Rinnovabili primi nove mesi 2014

  • shares
  • +1
  • Mail