Delirio da onnipotenza

Leggere il Decalogo per un ambiente a misura d’uomo pubblicato su "Il Domenicale">Il Domenicale" (settimanale ricollegabile a Marcello Dell’Utri) mi ha fermato la digestione:

Cito testualmente:

2 L’UOMO È AL CENTRO DELLA NATURA
La storia e le scienze dimostrano in maniera incontrovertibile che la specie umana è sostanzialmente diversa rispetto a qualsiasi altra presente sul pianeta. La sua eccelsa perfezione ne fa il centro e il vertice della natura.

10 NULLA È ECOLOGICAMENTE COMPATIBILE SE NON È ECONOMICAMENTE SOSTENIBILE
L’impegnativo dibattito su fonti e risorse per l’oggi e per il domani – da quelle energetiche a quelle alimentari – deve basarsi su una congrua e attendibile politica economica. Ciò implica che progetti e interventi si sottopongano a un severo conteggio dei costi e dei benefici, abbandonando sia gli assistenzialismi a fondo perduto sia le utopie “pulite” ma non redditizie e inutilmente costose.

Adesso, il fatto che Dell'Utri sia cresciuto con l'Opus Dei e che di sicuro fino a 15 anni fa nei collegi universitari dell'Opus Dei fosse ancora in vigore l'indice dei libri proibiti mi spiega molte cose.
Studiavo Sc. Naturali e se avessi voluto fermarmi nel collegio dell'Opus Dei avrei dovuto intercalare passi del Vangelo ad ogni capitolo di antropologia evoluzionistica ecc... che avessi voluto studiare. Proibito ripetere l'esame alle compagne. Certi libri non potevano proprio varcare il portone. Era il 1992, l'indice dei libri proibiti era stato abolito nel 1966. Ero cattolica e pure di destra, ma me ne andai dopo tre giorni.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: