L'Italia che scompare sotto il cemento, cresce a ritmi vertiginosi il consumo di suolo

consumo suolo italia

Settantacinque ettari al giorno. A questo ritmo procede il consumo di suolo in Italia. Impietosa la foto scattata dal dossier del FAI e del WWF Terra Rubata - Viaggio nell'Italia che scompare, presentato a Milano. Nei prossimi vent'anni l'urbanizzazione sottrarrà altri 600 mila ettari alla natura. Negli ultimi cinquant'anni il tasso di cementificazione è più che triplicato.

Tra le cause principali del consumo di territorio in Italia l'abusivismo edilizio, troppi condoni che perdonano gli scempi architettonici, il boom di centri commerciali, periferie che esplodono sempre più verso l'esterno mentre le case in centro restano vuote e cadono a pezzi. E di riqualificazione se ne intravede solo l'ombra.

Secondo FAI e WWF occorre:

dare priorità al riuso dei suoli anche utilizzando la leva fiscale per penalizzare l'uso di nuove risorse territoriali; procedere ai Cambi di Destinazione d'Uso solo se coerenti con le scelte in materia di ambiente, paesaggio, trasporti e viabilità. E ancora. Bisogna rafforzare la tutela delle nostre coste estendendo da 300 a 1000 metri dalla linea di battigia il margine di salvaguardia; difendere i fiumi non solo attraverso il rispetto delle fasce fluviali ma con interventi di abbattimento e delocalizzazione degli immobili situati nelle aree a rischio idrogeologico; farsi carico degli interventi di bonifica dei siti inquinati, escludendo che i costi di bonifica vengano compensati attraverso il riuso delle aree a fini edificatori.

Via - Foto | WWF

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: