Danilo Bonato, la crisi economica coincide con il collasso delle risorse

Scritto da: -

La coperina del linro di Danilo Bonato, la Terza crisiLe 160 pagine scritte da Danilo Bonato (direttore generale del Consorzio Remedia) per Edizioni Ambiente (euro 15,00) titolo : La Terza crisi, si leggono in poche ore. La sensazione che se ne ricava è straordinaria: possibile che sia così semplice uscire dall’attuale crisi economica? Lo sarebbe, in verità, se l’approccio culturale dell’intero mondo industrializzato fosse diverso e non ancorato a ingegneri e economisti dello scorso secolo. La fotografia scattata da Bonato sulla impietosa crisi economica (la prima crisi è stata finanziariaNdR) in atto ci dice che questa è solo l’antipasto di quella terza crisi che verrà, quella ecologica e del collasso delle risorse planetarie. I punti che preannunciano questo crollo si sono praticamente verificati tutti: dalla crescita demografica (siamo oramai 7 miliardi) alla carenza di cibo energia, alla continua produzione di rifiuti, all’inquinamento incontrollato, alla perdita di molte materie prime.

Ecco, parte la sfuriata dei liberisti che certamente scriveranno a commento di questo post che chi ha ha cuore il Pianeta non ha capito un accidente del sistema economico capace di autoregolarsi; ma no! diranno i sostenitori degli interventi statali, sarà il controllo pubblico delle economie a regolare il mercato; poi ci sono i sostenitori della decrescita e i sostenitori dell’utopia aristocratica: libero mercato selvaggio, tanto poi i consumatori diranno basta; altri ancora credono che nuove tecnologie ci tireranno fuori dal disastro.

Ma a pag. 71 Bonato spiega:

Alcuni leader politici e economisti illuminati hanno compreso che la partita non si gioca tra liberismo e statalismo, tra destra e sinistra, tra tecnologia e decrescita, ma sta tutta nella capacità che avremo nel raggiungere e mantenere il migliore equilibrio possibile tra lo sviluppo del nostro sistema socio-economico e lo stato di salute dei sistemi naturali che proprio il sistema socio-economico attuale sta compromettendo.


Insomma l’economia. piaccia o no, dipende dall’equilibrio ecologico del Pianeta; d’altronde inamissibile non tener conto del fatto che il ferro, le terre rare, l’oro, il platino non sono inesauribili. Il punto è che se ragionassimo diversamente, suggerisce Bonato, in merito all’uso delle risorse disponibili sul Pianeta potremmo arrivare facilmente al tanto sospirato equilibrio e non mandare in collasso gli ecosistemi. Ma oggi molte delle nostre industrie chiuderanno perché la crisi ha evidenziato la loro scarsa competitività dovuta all’incapacità di gestire le risorse. Eh già, oggi la competitività la cercano nell’abolizione dell’art.18, nella delocalizzazione della manodopera, piuttosto che dalla riconversione sostenibile delle piccole e medie imprese. Vale per l’Italia e vale per gli Usa, Francia, Germania, ecc. In fondo, ma neanche troppo, economia e ecologia hanno la stessa radice greca: oikos, casa.

Danilo Bonato perciò scrive nel suo libro a pag.122:

Ammettiamolo: la maggior parte delle tecnologie del XX secolo sono state pensate senza tenere in considerazione l’impatto sui sistemi naturali. Si è così sviluppata una chimica sofisticata e aggressiva che ha portato alla creazione di supermolecole sempre più perfezionate, unite da complessi legami covalenti non facilmente degradabili e impiegate per fabbricare le molteplici plastiche oggi in commercio. Parallelamente è cresciuta un’industria manifatturiera energivora, fortemente inquinante e generatrice di enormi quantità di rifiuti pericolosi.

E l’invito di Bonato è immediato, repentino:

Servono manager, liberi professionisti, politici e tecnici in grado di compiere al più presto i passi necessari. Le scelte virtuose possono essere cotroverse e complesse. Esse non danno certezze assolute e ci troveremo di fronte a ostacoli, dubbi e ripensamenti.

Ma sempre meglio che implodere.

Vota l'articolo:
3.80 su 5.00 basato su 20 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Danilo Bonato, la crisi economica coincide con il collasso delle risorse

    Posted by: roberto de falco

    analisi corretta finalmente qualcuno che parla di crisi economica , di crisi di risorse di sovrappopolazione. un solo appunto l'implosione non e' evitabile. ce la beccheremo in pieno. si salvi chi potra'. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Danilo Bonato, la crisi economica coincide con il collasso delle risorse

    Posted by: Mauriziosat,9

    ma va ….. . SIAMO IN CRISI FINANZIARIA ……..la crisi economica è solo una conseguenza. . il problema è che non sapete cosa sia la finanza ……insieme ad una marea di altre cosucce. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Danilo Bonato, la crisi economica coincide con il collasso delle risorse

    Posted by: 1conlemaniintasca

    e tu le sai? ce le spieghi, per favore. comunque, Marina, prima dell'avvento di questi super dirigenti credo che dovremmo subire l'onda degli idioti che ci sono ancora oggi. non ci sara' certo l'ottica di un equilibrio dinamico tra' risorse ed economia, ma dove andare e come prendersi le risorse che ancora ci sono; le risorse sono nei paesi sottosviluppati, proprio perche' lo sviluppo economico ha frenato il loro consumo, e come procurarsele lo sappiamo gia'… come sempre con le guerre. basta un pretesto e s'invade. la crisi reale e' dei valori. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ecoblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.