Scioglimento dei ghiacciai e cambiamenti climatici, l'Himalaya della discordia

Scritto da: -

ghiacciai himalaya

Lo scioglimento dei ghiacciai figura tra gli effetti più devastanti dei cambiamenti climatici. Un recente studio pubblicato su Nature ha riaperto l’eterna diatriba sull’impatto, più o meno determinante, del riscaldamento globale nella riduzione dei ghiacciai. Ancora una volta a dominare la scena sono i ghiacciai dell’Himalaya, già oggetto di scontro a seguito dell’errore commesso dall’IPCC nel 2010. L’Intergovernmental Panel on Climate Change fu costretto infatti a rettificare le previsioni sullo scioglimento dei ghiacciai himalayani entro il 2035, piuttosto che entro il 2350, contenute in un rapporto pubblicato nel 2009, supportato da letteratura grigia e dunque non attendibile.

La ricerca, coordinata dal professor John Wahr della University of Colorado, ha scoperto che la catena montuosa più grande del mondo non ha subito perdite di ghiaccio rilevanti negli ultimi dieci anni. Conclusione ricavata dalle immagini satellitari della catena montuosa che si estende dall’Himalaya al Tian Shan. Questo significa che non dobbiamo più preoccuparci delle conseguenze dell’innalzamento delle temperature sui ghiacciai? Se così fosse, sarebbe un punto a favore degli scettici. Gli stessi autori dello studio si affrettano però a precisare che lo scioglimento dei ghiacciai rappresenta ancora un grave pericolo, a dispetto del tasso di scioglimento più lento del previsto sui massicci asiatici.

Bisogna inoltre precisare che lo studio ha preso in esame un lasso di tempo piuttosto breve, appena otto anni. Un arco temporale limitato rispetto alle proiezioni a lungo termine effettuate da studi precedenti sullo scioglimento dei ghiacciai. Come sottolinea lo stesso Wahr, lo scioglimento dei ghiacciai ogni anno causa il riversamento di grandi quantità di acqua negli oceani, stando alle stime una cifra compresa tra i 443 ed i 629 miliardi di tonnellate. Il livello dei mari si innalza di 1,5 millimetri ogni anno, che vanno ad aggiungersi ai 2 millimetri di innalzamento provocati dal surriscaldamento degli oceani. Lo studio di Wahr ha preso in considerazione tutti i ghiacciai della terra. A conti fatti, la scoperta di un tasso di scioglimento prossimo allo zero per i ghiacciai dell’Himalaya non cambia di molto gli scenari prospettati dagli studi precedenti. L’innalzamento dei livelli dei mari, da qui al 2100, si ridurrebbe di appena cinque centimetri. Considerando che le stime parlano di un innalzamento compreso tra i 30 centimetri ed un metro, si tratta di una variazione dalla portata inconsistente.

Ciononostante, lo studio comparso su Nature mette in discussione i metodi finora utilizzati per il monitoraggio dello scioglimento dei ghiacciai. Fino ad oggi, infatti, le stime sulla riduzione dei 200 mila ghiacciai presenti nel mondo venivano effettuate sulla base dei dati relativi a poche centinaia di ghiacciai, monitorati direttamente dalle équipe di ricerca. Si tratta di ghiacciai ad altitudini non elevate, facilmente raggiungibili dagli scienziati ma anche più inclini allo scioglimento. Ecco perché è necessario rivalutare il tasso di scioglimento dei ghiacciai alla luce delle immagini satellitari, decisamente meno parziali.

scioglimento ghiacciai 1

Sicuramente i dati dei due satelliti Grace utilizzati nello studio lasciano meno margini di errore. Questi satelliti rivelano infatti i cambiamenti più impercettibili nella forza di attrazione gravitazionale della Terra. Quando i ghiacciai si sciolgono, questa forza si indebolisce ed i satelliti captano la variazione. Inoltre, volando a 500 km, riescono a monitorare anche i ghiacciai localizzati ad altitudini più elevate, finora pressoché ignorati dagli scienziati perché irraggiungibili.

Se è vero che i dati raccolti dai due satelliti mostrano i ghiacciai asiatici in buono stato di conservazione e denotano sostanziali variazioni da regione a regione nel tasso di scioglimento, è pur vero che dallo stesso studio si evidenzia una massiccia perdita di ghiaccio in vaste zone della Terra, in particolare in Groenlandia ed in Antartide. Un declino vertiginoso sufficiente a legittimare le preoccupazioni sull’impatto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai. Complessivamente, dal 2003 al 2010 c’è stata una perdita di 536 gigatonnellate di ghiaccio. Un dato tutt’altro che confortante sullo stato di salute dei ghiacciai del Pianeta.

In conclusione, l’allarme sullo scioglimento dei ghiacciai resta alto. A cambiare sarà piuttosto la portata di altri moniti lanciati negli ultimi anni nelle regioni asiatiche, in relazione alla crisi delle riserve idriche attesa nei prossimi decenni. Anche in questo caso, però, è presto per tirare un sospiro di sollievo. Richard Hodgkins, senior lecturer alla Loughborough University, spiega infatti che anche le variazioni più impercettibili nelle riserve idriche hanno un impatto devastante su migliaia di persone, considerando la densità di popolazione molto alta dell’Asia.

I satelliti Grace, ad ogni modo, resteranno in orbita solo un altro paio d’anni. Per essere attendibili, i dati sullo scioglimento dei ghiacciai dovrebbero invece coprire almeno un arco temporale di trent’anni. Bisognerà dunque accontentarsi dei metodi di monitoraggio tradizionali. Tanto più che tra le critiche mosse da diversi scienziati ai dati rilevati dai due satelliti, ce n’è una su tutte che non è affatto trascurabile. I dati sui ghiacciai meno estesi, come quelli delle Alpi, non sono infatti altrettanto attendibili per via della bassa risoluzione spaziale. Eppure da studi effettuati con i metodi tradizionali è evidente che si stanno ritirando e sciogliendo a tassi rapidi. Escludere le riserve di modeste dimensioni dalle proiezioni sulla perdita complessiva di ghiacciai fornisce evidentemente una visione parziale di un fenomeno oltremodo complesso.

Via | Guardian
Foto | Flickr; Nature

Vota l'articolo:
3.57 su 5.00 basato su 7 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Scioglimento dei ghiacciai e cambiamenti climatici, l'Himalaya della discordia

    Posted by: Mauriziosat,9

    TRADOTTO …..il global warming …….è una BUFALA . . prova ne sia il fatto che anche i militanti ed i loro GURU hanno smesso di parlare di RISCALDAMENTO GLOBALE ……e si sono messi a ciarlare di CAMBIAMENTO CLIMATICO . . COSì POSSONO GRIDARE ISTERICI SIA SE FA CALDO SIA SE FA FREDDO sia se piove sia se non piove sia se nevica sia se non nevica Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Scioglimento dei ghiacciai e cambiamenti climatici, l'Himalaya della discordia

    Posted by: Povero Maurizio...

    @Maurizio <a href='http://ugobardi.blogspot.com/2012/03/lheartland-institute-nudo-documenti.html' rel='nofollow'>http://ugobardi.blogspot.com/2012/03/lheartland-institute-nudo-documenti.html</a> - Hai forse perso il lavoro? Scritto il Date —