Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

Scritto da: -

Eolico e fotovoltaico nell'est Europa

Mentre in Italia siamo alle prese con l’annosa questione degli incentivi e gli stop and go normativi frenano gli investimenti nel settore delle rinnovabili, l’Est Europa sembra essere diventata la nuova patria delle energie verdi.

Leggo sul Sole 24 Ore che sarà realizzato in Serbia il parco fotovoltaico più grande al mondo, che, con 1GW di potenza installata, doppierà la capacità produttiva dell’impianto che finora deteneva il primato, quello da 500Mw in California. Un mega progetto da circa 1,7 miliardi di euro (da investire tra il 2012 e il 2015), che esemplifica in maniera evidente la grande effervescenza ‘rinnovabile’ che pervade l’intera area dell’Europa orientale, dalla Polonia alla Romania.

Iter autorizzativi lineari, tempi burocratici certi, bassi costi industriali e di manodopera e un’adeguata politica statale di sostegno rappresentano la ricetta alla base del boom delle rinnovabili in Est Europa. Che presto sarà in grado di rivendere energia pulita ai paesi UE inadempienti rispetto all’obbligo europeo di produrre da fonti rinnovabili almeno il 20% sul totale, entro il 2020.Quale dunque la mappa delle energie verdi a est del Danubio?


La prossima reginetta dell’eolico sembra essere la Romania, baciata dal vento del Nord che mette le ali ad una capacità teorica stimata in ben 4GW. Anche la Polonia affila però le unghie: uno studio della Wind Energy Association prevede un incremento della produzione di energia eolica pari al 24% al 2020.

La Repubblica Ceca ha finora vantato il miglior piazzamento sul fronte della produzione di energia solare, tallonando Germania, Spagna e Italia. La frontiera sembra però spostarsi verso Sud, dove la Bulgaria vanta un irraggiamento solare annuo pari a 2.150 ore. L’attrattività di questi paesi per gli investitori esteri sembra esercitare il proprio fascino anche sulle aziende italiane nonché sulle banche di casa nostra. A partire da Unicredit, che nel solo 2011 ha finanziato un volume di 300 milioni di euro nei paesi dell’Europa dell’Est.

Le incertezze di politica energetica di stati come Italia o Germania ridisegnano in questo modo lo scenario europeo. E i cinesi…

Vota l'articolo:
3.94 su 5.00 basato su 71 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by:

    in italia non esistono stop & go, la legislazione insegue l'economicità della fonte, se i pannelli non fossero scesi così tanto, così tanto da renderlo speculante e non ecologico come investimento, non si sarebbe modificato alcunchè. visto che nell'italia meridionale è già stata raggiunta la greed parity, è anche logico che a breve siano totalmente aboliti gli incentivi a breve ….mentre i cinesi stoppano su foto ed eolico e puntano su nucleare ed idro <a href='http://www.electroiq.com/photovoltaics/2012/03/12/china-to-drop-solar-energy-to-focus-on-nuclear-power.html' rel='nofollow'>http://www.electroiq.com/photovoltaics/2012/03/12/china-to-drop-solar-energy-to-focus-on-nuclear-power.html</a> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: _GhostRider_

    La parita' avida? Se i cinesi fermano le incentivazioni al FV prevedo un ulteriore pesante drop del prezzo per sovraproduzione e un pop-corn di aziende europee che falliranno a pie' sospinto. I cinesi sovvenzioneranno le loro fonderie per tenerle in vita al che.. al termine del giochino gli unici produttori che rimarranno saranno loro. So much win. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: T34

    4 GW teorici in Romania? sarebbero come 2,5 centrali nucleari: non male, ma non credo ne avanzi per venderne al resto dell'europa Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by:

    La prova che queste nazioni sorte pochi anni fa dalla scissione di nazioni un tempo unite hanno un sistema legislativo più snello, una crescita enorme ed un potenziale altrettanti grosso. Idem per la Slovenia. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: Mauriziosat,9

    ahahahaha. mai sentito parlare di FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO ? Quelli non sono investimenti ….ma SPRECO . o li spendono …o li perdono …..per cui ….qualunque spesa va bene ….tanto mica pagano loro. . ringraziamo ROMANO PRODI per aver accolto paesi del terzo mondo come la Romania nella comunità europea ORA i soldi che prima finivano al nostro sud perchè sottosviluppato …FINISCONO IN ROMANIA e SIMILI . . e quando i soldi arrivano dal cielo …….possono benissimo essere SPRECATI per cavolate inutili e controproducenti come il fotovoltaico . . ANZI ….la comunità europea incentiva lo sperpero di denaro pubblico in opere di questo genere . . E ….SIGNORI ….QUELLI SONO SOLDI NOSTRI …PAGATI CON LE TASSE ANCHE ITALIANE. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: _GhostRider_

    Terzo mondo? Mi sa che hai una visione distorta della Romania o di altri paesi dell'Est. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: Mauriziosat,9

    si come no …. tu reputi CUBA il paradiso dei lavoratori e dei MALATI ….figurati se ti do retta con l'economia ROMENA. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: _GhostRider_

    IO? Tu sei proprio tutto sc3mo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Parco fotovoltaico da record in Serbia: l’Est Europa punta sulle energie verdi

    Posted by: nicola883

    O Maurizio, ma ti presenti per favore? Sei docente universitario, ricercatore? Hai una grande esperienza, conosci tante cose. Se poi ogni tanto citassi delle fonti faresti un grande piacere a noi ignoranti. Giusto per provare a capire un po'. Grazie. Scritto il Date —