A volte ritornano, l'ape nera in Gran Bretagna

Scritto da: -

ape nera gran bretagna

L’Apis mellifera mellifera è la pecora nera della famiglia delle api. In Gran Bretagna si credeva fosse ormai scomparsa definitivamente, ad eccezione di alcune aree dell’estremo Nord, ma di recente è stata riscoperta, nel Nord del Galles, nell’Inghilterra orientale e nel profondo Sud del West Sussex, in un’analisi che ha coinvolto 117 alveari, finanziata dal Co-operative Group.

Il destino della popolazione delle api in Gran Bretagna è nei suoi geni. Secondo la Bee Improvement and Bee Breeders’ Association (Bibba), questa specie, infatti, si adatta meglio al clima britannico (è autoctona) e potrebbe rappresentare una soluzione al calo vertiginoso di api nel Paese, imputabile ad una improvvisa moria di cui si ricerca la causa in diversi fattori: pesticidi, cambiamenti climatici, perdita di habitat, iridovirus e funghi.

Via | Independent
Foto | Bibba

Vota l'articolo:
3.90 su 5.00 basato su 21 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su A volte ritornano, l'ape nera in Gran Bretagna

    Posted by:

    Si ricerca la causa? Si ricerca?!? Non siamo più nel 2007 in cui non si era ancora sicuri. Siamo nel 2012 ed ormai ci sono importanti studi scientifici che dimostrano in maniera inequivocabile che i pesticidi neonicotinoidi sono la principale causa della moria della api. Diretta ed indiretta. Diretta perché hanno un effetto tossico elevatissimo che può sterminare intere famiglie in pochissimo ed indiretto perché anche quelle colpite meno duramente si indeboliscono fino al punto da soccombere ad altri patogeni. Se a questo aggiungiamo come già da qualche anno negli Stati Uniti è saltata fuori la verità sugli studi a corredo per l'autorizzazione all'uso dei neonicotinoidi non si può più parlare di "ricercare la causa". Se qualcuno fose ancora scettico sarebbe sufficiente fare la classica prova del "nove". Controllando i dati di tutti i paesi in cui si è concesso l'uso dei neonicotinoidi si è visto come l'autorizzazione iniziale fa crollare la popolazione delle api, mentre nei paesi più attendi che li hanno banditi/sospesi la popolazione ha ricominciato a crescere. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ecoblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.