Il declino degli squali, specie oceaniche minacciate da un animale feroce

squali

Negli ultimi decenni molte specie di squali hanno subito un rapido declino, principalmente a causa della perdita di habitat, della pesca eccessiva e del mercato illegale delle pinne, alimentato dalla barbara pratica del finning.

A soffrire maggiormente sono le specie che vivono negli Oceani, nelle acque circostanti le isole. Per la prima volta uno studio su larga scala ha quantificato il decremento della popolazione di squali nell'Oceano Pacifico. L'analisi, pubblicata sulla rivista Conservation Biology, è stata condotta negli ultimi dieci anni, grazie ai dati raccolti dalle indagini subacquee del NOAA nei pressi di 46 isole degli Stati Uniti ed atolli del Pacifico.

I ricercatori hanno confrontato le aree peggio conservate dell'Oceano Pacifico con gli habitat più incontaminati dello squalo in altre aree del mondo. I dati emersi sono a dir poco preoccupanti. Marc Nadon, prima firma dello studio, spiega infatti che nelle acque intorno alle isole popolate la popolazione di squali è in calo di ben il 90%. L'impatto dell'uomo è stato a dir poco devastante, tanto che in queste acque sopravvive a volte appena il 10% degli squali che c'erano originariamente.

Via | University of Miami Rosenstiel School of Marine & Atmospheric Science
Foto | Courtesy of P. Ayotte, University of Miami Rosenstiel School of Marine & Atmospheric Science

Vota l'articolo:
3.91 su 5.00 basato su 47 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO