Abili e disabili sugli alberi

sentieri tra gli alberi, treeclimbing

La moda di andare a divertirsi sugli alberi in sicurezza è nata in Francia e negli ultimi anni stanno aprendo vari parchi in tutta Italia che offrono percorsi sospesi da un albero all'altro con ponti, passerelle, passaggi da fare appesi ad una corda... adatti a tutte le difficoltà. Ai bambini piace un mondo e pure qualche adulto ammette di apprezzare una passeggiata da Ewok in quella che (con molta fantasia) potrebbe ricordare la Luna boscosa di Endor.

Quando lo si fa per gioco, ma con una imbragatura, salire sugli alberi si chiama tarzaning. Quando ci si va in stile arrampicata, generalmente per lavoro: treeclimbing. Quando non si vuole più scendere perché altrimenti taglierebbero l'albero: treehugging.

Salire su un albero è un'esperienza di profondo contatto con la natura, tanto bella da ispirare anche la cooperativa sociale Coislha a portare dei disabili su, in alto, tra i rami degli alberi. La cooperativa si occupa di integrazione di disabili fisici e psichici nel settore di manutenzione del verde. Chi si arrampica per mestiere va tra le fronde a potare o a fare diagnosi fitopatologiche.

Per prima cosa hanno attrezzato una palestra su un grande pioppo bianco, a Padova, su cui saliranno anche due esperti formati alla Scuola agraria del parco di Monza". Poi la voce si è diffusa e il progetto "Arrampicabile" arriverà a coinvolgere anche le scuole. (Ai miei tempi nessun "grande" si sognava di venirci a dare lezioni in fatto di treeclimbing, ma i tempi cambiano...)

» I costruttori di parchi avventura sugli alberi

» Vivere, viaggiare, divertirsi sugli alberi su Travel|blog

» Il progetto Arrampicabile sul Gazzettino

» Lista di parchi avventura tra gli alberi in Italia

» Parco avventura a Sella Nevea (Udine)

» Gente che si fa fotografare nuda su un albero

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: