Perseidi, come e quando vedere le stelle cadenti

Convenzionalmente si fa riferimento al 10 agosto, ma la notte migliore è quella fra il 12 e il 13 agosto

gettyimages-82273190-1.jpg

Il conto alla rovescia è già cominciato. Arrivano le Perseidi, le stelle cadenti che tradizionalmente vengono collegate al 10 agosto e alla notte di San Lorenzo quest’anno promettono uno spettacolo straordinario grazie alle particolari condizioni del ciclo lunare.

Il nome di questo sciame di meteore è originato dal loro radiante ovvero dal punto in cui queste sembrano partire ovvero la costellazione di Perseo.

Il fenomeno ha origine dalla cometa Swift-Tuttle i cui frammenti si “scontrano” con l’atmosfera regalando agli spettatori terrestri lo spettacolo dello sciame luminoso quando l’orbita della Terra incrocia quella della cometa tuffandosi nella nube di polveri lasciata dalla Swift-Tuttle.

La tradizione voleva che il fenomeno fosse collegato al martirio di San Lorenzo che fu arso sulla graticola e viene ricordato il 10 agosto. Ecco perché, nella tradizione popolare, le stelle cadenti sono anche dette “lacrime di San Lorenzo”.

Stelle cadenti: come e dove osservarle


Anche se convenzionalmente si fa riferimento alo 10 agosto, il momento migliore dell’anno per oservare le Perseidi è la notte fra il 12 e il 13 agosto. Occorre individuare la costellazione di Perseo che si trova a Nord Est e con il passare delle ore sale sempre di più sulla linea dell’orizzonte. È possibile vedere fino a 100 meteore all’ora a occhio nudo. Per i meno esperti può essere utile individuare la costellazione di Cassiopea che è ben visibile e sovrasta Perseo.

Per poter assistere nel migliore dei modi al fenomeno bisogna allontanarsi dai centri abitati o, comunque, da luoghi in cui l’inquinamento luminoso possa pregiudicare una visione ottimale della volta celeste. Dal punto di vista astronomico quest’anno è particolarmente favorevole poiché la luna nuova è prevista per il 14 luglio e, quindi, nelle notti precedenti il cielo sarà quasi completamente buio, vista l’assenza del “disturbo” lunare.

Il picco massimo del fenomeno è previsto fra le 8.30 e le 11 del 13 agosto, quindi le ore ottimali saranno le prime ore del giorno 13 agosto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail