India, guerriglie urbane contro il caro petrolio

In India, la più grande democrazia al mondo, è in atto una vera e propria guerriglia urbana contro il prezzo del petrolio che ha subito un aumento dell'11%. Ossia il prezzo alla pompa della benzina passa dalle 6,28 rupie (circa 8 cents di euro) per litro a 7,5 rupie.

I manifestanti appartengono ai diversi schieramenti politici e dunque di fatto è una protesta trasfersale che l'opposizione sta tentando di cavalcare per mettere all'angolo il governo del premier Manmohan Singh. Ma questa, fa notare Al Jazeera attraverso le parole del suo corrispondete è solo la conseguenza e le proteste si rivolgono comunque all'intera classe politica che non trova soluzioni all'economia stagnante.

Ma l'India non era tra le economia con una crescita del PIL a due cifre? Lo è ma anche queste due cifre sembrano rallentare. Infatti come riferisce Le Monde se fino allo scorso anno era al 9,2% nel primo trimestre del 2012 si è fermata al 5,3%. Ma l'inflazione galoppa al 7% e allora gli analisti finanziari dicono che il Governo deve sospendere i sussidi e contenere la spesa pubblica che in India a causa della corruzione è stratosferica. Nel 2010 perciò il governo ha liberalizzato i prezzi della benzina in una riforma volta a ridurre le sovvenzioni massicce che ha versato alle raffinerie statali e che importano la materia prima, dall'Iran.

Dunque ecco la motivazione alla base delle scene di violenza di ieri quando nelle piazze si è riversata l'intera nazione da Calcutta a Mumbai, da New Delhi a Patna: saracinesche dei negozi abbassate, autobus pubblici distrutti, fuoco e fiamme. Alla faccia di chi descrive gli indiani come un popolo pacifico, paziente e capace di sopportare ogni difficoltà.

Via | Al Jazeera

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: